Grande festa al Comitato della Croce Rossa di Albiano Magra presieduto da Rita Peroni peraltro grande manager. L’iniziativa, assieme  alla giornata di prevenzione di sabato scorso sulla sindrome metabolica che ha registrato ben 350  tra visite, test ed altro, operati da un gruppo di specialisti volontari che operano a gratuitamente, fa parte dei festeggiamenti dell’annuale settimana internazionale della Croce Rossa che, appunto, ha avuto il suo culmine ieri in occasione della ricorrenza della nascita del fondatore Henri Dunant, fondatore del Movimento.  

Henry Dunant  è nato a Ginevra l’8 maggio 1828, è stato  un grande umanista ma anche  imprenditore e filantropo svizzero. Nel 1901 è stato insignito del  Premio Nobel per la pace   per aver fondato la Croce Rossa di cui erano già da alcuni decenni membri attivi molti paesi di tutto il mondo, tra cui anche l’Impero ottomano. Gli scritti raccontano cheDunant  sia a  Solferino che a  Castiglione delle Stiviere fu sconvolto alla vista dei feriti, provenienti dal campo di battaglia, che ricevevano le prime cure dalla popolazione, e qui maturò l’idea di creare un corpo di volontari che assistesse tutti i feriti in battaglia senza distinzione di nazionalità: così nacque la Croce Rossa.Dunant è stato colui che ha dato l’impulso alla stipula delle  convenzioni di Ginevra consistono in una serie di trattati internazionali sottoscritti per la maggior parte a Ginevra, in Svizzera. Si tratta di un corpo giuridico di diritto internazionale, noto anche sotto i nomi di diritto di Ginevra, diritto delle vittime di guerra e diritto internazionale umanitario. Come dicevamo l’impulso iniziale alla stipula di tali convenzioni venne dall’attività di Jean Henri Dunant, motivato dagli orrori di guerra da lui osservati durante la battaglia di Solferino e descritte nell’opera Un ricordo di Solferino, destinata ai sovrani di tutta Europa, 

Dunque ogni anno   tutto il mondo festeggia l’opera svolta dalla Croce Rossa cercando di avvicinare la cittadinanza alla conoscenza delle molteplici iniziative rivolte ai vulnerabili. Il corrente anno, poi,  sarà per l’Associazione  ancor più significativo in quanto ricorre il 160° anniversario dalla sua  fondazione.‘’Questa commemorazione è un’importante occasione – fanno rilevare dal Comitato –  per celebrare l’operato che i Volontari e le Volontarie svolgono quotidianamente al servizio della propria comunità con l’obiettivo di alleviare la sofferenza umana.’’Come accaduto nel corso degli ultimi anni.

Nella circostanza su indicazione della presidenza nazionale della Cri e dell’Anci, l’Associazione dei Comuni  Italiani ’’, i Comitati della Croce Rossa Italiana sono stati invitati a consegnare alle amministrazioni locali una bandiera della Croce Rossa con la preghiera che la stessa sia esposta fuori dai palazzi comunali . Si tratta di un segno tangibile che sottolinea la potenza umanitaria dell’Emblema di Croce Rossa e, allo stesso tempo, l’importanza del ruolo ausiliario che la CRI ha rispetto ai pubblici poteri.’’ Inoltre, i Comuni ‘’sono invitati ad illuminare di rosso un monumento del proprio territorio. Al fine di sottolineare il forte legame che lega la Croce Rossa Italiana al territorio.’’ Monumenti illuminati di rosso  a Pontremoli, Aulla, Podenzana ed in altri Comuni ai quali è stata consegnata anche la bandiera della Cri . Ovviamente tutta  imbandierata ed illuminata di rosso la sede della Cri albianese.

Nella circostanza ieri sono stati consegnasti gli attestati a 15 tagazzi e ragazze che hanno superato gli esami di ammissione per  accedere al servizio attivo  in qualità di Volontari C.R.I. precisando che  quelli  di età inferiore ai 32 anni sono stati di diritto iscritti alla Componente della Gioventù.

Questi i nuovi volontari attivi che vanno ad aggiungersi al ‘’battaglione’’ dei circa 160 volontari attivi del Comitato:  Atif Alam; Mattia Benetti- Giovane; Carmen Adriana Contreras Apacio; Giulia Dolfi- Giovane; Alessandro Leusciati; Cristian Lubrano; Serena Magnani; Fanica Adriana Nicolai- Giovane; Mirco Peroni; Giuseppe Emanuele Rao- Giovane; Laura Ronchieri; Leonardo Russo; Mirela Mariana Veverita – Giovane ; Alex Zucchett; Ginevra Zucchetto- Giovane.

Dopo la consegna dei diplomi grande festa con cena offerta ai partecipanti. Nell’occasione sono state annunciate anche altre iniziative in cantiere: sabato e domenica prossimi  corso formativo nella sede cri; a giugno, poi, altra grande giornata di prevenzione sempre  nella sede Cri con un gruppo di specialisti volontari  diventata una vera e propria ‘’cittadella della salute’’.

Lascia un commento