ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

martedì, 21 agosto, 2018

https://www.antenna3.tv/2018/08/21/il-comune-di-tresana-cedera-le-azioni-di-gaia-spa-non-ha-fatto-gli-investimenti-che-aspettavamo-e-non-vogliamo-piu-essere-soci-di-questo-carrozzone-commenta-il-sindaco-mastrini/

Mediavideo Antenna3

IL COMUNE DI TRESANA CEDERA’ LE AZIONI DI GAIA SPA: “NON HA FATTO GLI INVESTIMENTI CHE ASPETTAVAMO E NON VOGLIAMO PIÙ ESSERE SOCI DI QUESTO CARROZZONE” COMMENTA IL SINDACO MASTRINI.

di  Redazione web

Il Comune di Tresana comunicherà a Gaia spa la volontà di cedere le proprie azioni. “In questi anni abbiamo verificato la totale inefficienza dell’azienda – ha dichiarato convintamente il sindaco Matteo Mastrini – eserciteremo i diritti previsti dallo Statuto informando l’organo di amministrazione, ma non vogliamo più essere soci di questo carrozzone”. La decisione è presa e il sindaco ormai è irremovibile: “Ho chiarito più volte che siamo contrari alle logiche di Gaia perché dovrebbe gestire al meglio il nostro patrimonio, costituito da numerose sorgenti, ma in realtà non lo fa”. L’organo di amministrazione, entro quindici giorni dal ricevimento della comunicazione da parte del comune, informerà gli  altri soci precisando i quantitativi riservati a ciascuno di essi in proporzione al numero delle azioni possedute, con l’indicazione del relativo prezzo o valore. I soci, entro centoventi giorni successivi al ricevimento della comunicazione, possono esercitare il diritto di prelazione. “Il punto di rottura riguarda la scelta di inserire fra le opere pubbliche il rifacimento integrale degli acquedotti – spiega il sindaco – che in un primo momento è stato accordato e successivamente disatteso”. Mastrini chiede a Gaia dove vadano i soldi dei contribuenti, se sia giusto aumentare le tariffe senza effettuare investimenti. “Non essere più soci sarà il primo passo – conclude – il secondo potrà essere compiuto solo con la collaborazione dei comuni che vogliono un domani diverso per i loro cittadini e che per noi non si chiama Gaia”.

 

ore: 18:42 | 

comments powered by Disqus