ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

martedì, 21 agosto, 2018

https://www.antenna3.tv/2018/08/21/ordinanze-per-corretto-conferimento-dei-rifiuti-e-gestione-di-sfalci-derba-previste-sanzioni/

Mediavideo Antenna3

Ordinanze per corretto conferimento dei rifiuti e gestione di sfalci d’erba. Previste sanzioni

di  Redazione web

Pubblicate le ordinanze dirigenziali  n.502 e n.505 del settore ambiente adottate per disciplinare il corretto conferimento in cassonetti e aree attrezzate dei rifiuti solidi urbani e per regolare gli sfalci della vegetazione nei terreni prossimi a fossi e canali.
Con l’ordinanza n.502/2018 sono state assemblate in un unico provvedimento tutte le disposizioni vigenti nel territorio per il corretto conferimento di ogni genere di rifiuto prevedendo sanzioni da € 25 a 500 a carico dei soggetti inadempienti.
Con l’ ordinanza 505/2018 vengono invece disciplinati e regolati gli sfalci della vegetazione nei terreni  vicini ai corsi d’acqua con l’obbligo di rimuoverli immediatamente  e di conferirli  secondo modalità indicate .Destinatari della ordinanza 505/2018 sono il Consorzio di Bonifica Toscana Nord, competente in materia di manutenzioni dei fossi e canali pubblici e del taglio della vegetazione spontanea sui relativi argini, e i proprietari dei terreni posti in prossimità di tali corsi d’acqua. L’obiettivo è evitare l’abbandono degli sfalci vicino ai.corsi d’acqua che possono impedire il regolare deflusso delle acque e contribuire ad incrementare il fenomeno del “lavarone” che quest’anno ha particolarmente interessato gli arenili di Marina di Massa  . Anche tale ordinanza prevede a carico dei soggetti inadempienti sanzioni da € 25 a 500.
Numero  502  del 10-08-2018
OGGETTO: DISPOSIZIONI PER LA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI PER ASSICURARE LA TUTELA IGIENICO SANITARIA.
IL DIRIGENTE
RAVVISATA la necessità di regolamentare le modalità di conferimento dei rifiuti urbani
indifferenziati ed assimilabili agli urbani, compresi i rifiuti ammessi alla raccolta differenziata, al fine
di evitare inconvenienti di natura igienico-sanitaria;
RAVVISATA la necessità di regolamentare le modalità di conferimento degli scarti verdi, provenienti
da sfalci e potature, al fine di evitare che gli stessi, scaricati abusivamente o trascinati da eventi
meteorici intensi in corsi d’acqua, impediscano il regolare deflusso delle acque o scorrano fino al
mare incrementando il successivo fenomeno di spiaggiamento del cosiddetto “lavarone”;
CONSIDERATO che l’obiettivo principale della presente ordinanza è quello di fornire alle utenze
un’opportuna informazione per ciò che concerne il corretto conferimento dei rifiuti;
VISTO il Regolamento Comunale per i “Servizi di smaltimento rifiuti” approvato con atto deliberativo
del Consiglio Comunale n. 136 del 31 Luglio 1992;
VISTO il Regolamento di Polizia Urbana;
VISTO il Regolamento di Igiene Urbana;
VISTO lo Statuto dell’ASMIU, approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n. 105/1996 e
106/1996;
VISTO il Contratto di Servizio tra il Comune di Massa ed ASMIU, approvato con atto deliberativo del
Consiglio Comunale n. 32 del 12 Luglio 2007;
RICHIAMATE le ordinanze dirigenziali n. 5512/2008, n. 611/2010, n. 1064/2011 e n. 1862/2017,
con le quali viene istituita la raccolta “porta a porta” nelle aree denominate “Romagnano 1-2”, “
Catagnina” e “Centro Città” e l’ordinanza dirigenziale per le aree interessate dal progetto “fuori della
porta”, attraverso le quali vengono disciplinate le modalità di conferimento e di raccolta dei rifiuti
differenziati per le utenze domestiche e le attività terziarie;
RICHIAMATA l’ordinanza dirigenziale n. 4081/2015, relativa a “Obbligo per le utenze degli
stabilimenti balneari di differenziazione dei rifiuti secondo le modalità di raccolta porta a porta
indicate nel presente provvedimento”;
VISTO il Codice della Strada;
VISTO il D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i.;
VISTO l’art. 107 del D.Lgs. n. 267/2000;
ORDINA
1. i rifiuti solidi urbani indifferenziati devono essere conferiti all’interno degli appositi cassonetti
in sacchi di plastica ben chiusi, per evitare la loro dispersione e l’emanazione di cattivi odori, entro i
seguenti orari:
– dalle ore 18,00 alle ore 07,00 nei mesi da Ottobre ad Aprile;
– dalle ore 19,00 alle ore 07,00 nei mesi da Maggio ad Settembre.
2. i rifiuti non devono essere depositati accanto ai cassonetti o ai contenitori per la raccolta
differenziata, anche qualora siano pieni.
Ordinanza Dirigenziale n. 502 del 10-08-2018
3. gli ingombranti, i beni durevoli di uso domestico e le Apparecchiature Elettriche ed
Elettroniche (RAEE) devono essere conferiti presso la piattaforma attrezzata per la raccolta
differenziata denominata “Centro Recuperi”, situata in Via Dorsale n. 24, con orario: da Lunedì al
Sabato ore 07.30 – 12.45 e Sabato ore 14.00 – 17,15 (Centro Recuperi: tel. 0585 251923, n. verde
800 396616 – Sede Asmiu: tel: 0585 831220), o nel caso di impossibilità dell’utente al trasporto
ASMIU provvede con un servizio domiciliare (il servizio viene garantito a livello stradale), gratuito e
garantito entro 5 giorni lavorativi, su richiesta telefonica al n. verde 800 216606 (attivo da Lunedì al
Sabato dalle ore 08.00 alle 12.30).
Si ricorda che dal 18 giugno 2010, ai sensi del D.M. n. 65/2010, è entrato in vigore il sistema di ritiro
“uno contro uno” che prevede che, al momento della vendita di una nuova apparecchiatura elettrica
ed elettronica, il venditore assicuri il ritiro gratuito della vecchia in possesso del cliente, a patto che
sia della stessa tipologia e non contenga altri tipi di rifiuti. Il sistema di ritiro “uno contro uno” è
gratuito, il venditore non può pretendere dal cliente alcuna somma e non può maggiorare il prezzo
di vendita.
Si ricorda che dal 31 maggio 2016 ai sensi del DM n. 121/2016 è entrato in vigore il sistema di ritiro
“uno contro zero” che prevede il ritiro gratuito da parte dei distributori delle apparecchiature
elettriche ed elettroniche (RAEE) di piccolissime dimensione provenienti da nuclei domestici.
4. gli imballaggi in vetro, plastica per liquidi, alluminio e banda stagnata, opportunamente
puliti, al fine di evitare l’emanazione di cattivi odori, opportunamente pressati, per ridurne
l’ingombro, devono essere conferiti nelle campane e nei contenitori di colore BLU.
5. la carta, i giornali e le riviste devono essere conferiti nei contenitori di colore GIALLO, in
alternativa presso la piattaforma attrezzata per la raccolta differenziata denominata “Centro
Recuperi”, situata in Via Dorsale n. 24, con orario: da Lunedì al Sabato ore 07.30 – 12.45 e Sabato
ore 14.00 – 17,15 (Centro Recuperi: tel. 0585 251923, n. verde 800 396616 – Sede Asmiu: tel: 0585
831220).
6. la frazione umida del rifiuto domestico e quantità inferiori a 100 kg di scarti verdi,
provenienti da sfalci e potature, devono essere conferiti nei contenitori di colore MARRONE, in
alternativa presso la piattaforma attrezzata per la raccolta differenziata denominata “Centro
Recuperi”, situata in Via Dorsale n. 24, con orario: da Lunedì al Sabato ore 07.30 – 12.45 e Sabato
ore 14.00 – 17,15 (Centro Recuperi: tel. 0585 251923, n. verde 800 396616 – Sede Asmiu: tel: 0585
831220).
7. gli scarti verdi, provenienti da sfalci e potature, per quantità superiori a 100 kg, devono
essere conferiti direttamente ad ASMIU, che ha previsto un servizio di raccolta di tipo domiciliare, su
richiesta dell’utente e previo accordo con il competente servizio aziendale attivo dal Lunedì al
Sabato dalle ore 08.00 alle ore 12.00 (n. verde 800 216606, attivo da Lunedì al Sabato dalle ore
08.00 alle 12.30). L’intervento è gratuito ed è effettuato per quantità superiori a 100 kg. L’orario di
effettuazione del servizio è previsto di norma al mattino dalle ore 6.00 alle ore 12.00; in alternativa,
per eventuali necessità e/o imprevisti, il servizio è svolto nell’orario pomeridiano dalle ore 13.00 alle
ore 19.00.
8. gli imballaggi di cartone devono essere conferiti, vicino ai cassonetti per i rifiuti urbani, in
maniera ordinata, piegati e legati in pacchi di peso contenuto, entro i seguenti orari:
– dalle ore 18,00 alle ore 06,00 nei mesi da Ottobre ad Aprile;
– dalle ore 19,00 alle ore 06,00 nei mesi da Maggio ad Settembre.
9. le pile esaurite devono essere conferite negli appositi contenitori collocati negli esercizi
commerciali, negli uffici pubblici e nelle scuole. In alternativa possono essere conferiti presso la
piattaforma attrezzata per la raccolta differenziata denominata “Centro Recuperi”, situata in Via
Dorsale n. 24, con orario: da Lunedì al Sabato ore 07.30 – 12.45 e Sabato ore 14.00 – 17,15
Ordinanza Dirigenziale n. 502 del 10-08-2018
3/5
(Centro Recuperi: tel. 0585 251923, n. verde 800 396616 – Sede Asmiu: tel: 0585 831220).
10. i medicinali scaduti devono essere conferiti negli appositi contenitori collocati presso le
farmacie, in alternativa presso la piattaforma attrezzata per la raccolta differenziata denominata
“Centro Recuperi”, situata in Via Dorsale n. 24, con orario: da Lunedì al Sabato ore 07.30 – 12.45 e
Sabato ore 14.00 – 17,15 (Centro Recuperi: tel. 0585 251923, n. verde 800 396616 – Sede Asmiu:
tel: 0585 831220).
11. le batterie esaurite di autoveicoli, nonché l’olio motore esausto, quando non ritirati dai
rivenditori, devono essere conferiti presso la piattaforma attrezzata per la raccolta differenziata
denominata “Centro Recuperi”, situata in Via Dorsale n. 24, con orario: da Lunedì al Sabato ore
07.30 – 12.45 e Sabato ore 14.00 – 17,15 (Centro Recuperi: tel. 0585 251923, n. verde 800 396616
– Sede Asmiu: tel: 0585 831220).
12. l’olio vegetale deve essere raccolto in “bottiglie di plastica” da conferire negli appositi
contenitori stradali di colore NERO. In alternativa presso la piattaforma attrezzata per la raccolta
differenziata denominata “Centro Recuperi”, situata in Via Dorsale n. 24, con orario: da Lunedì al
Sabato ore 07.30 – 12.45 e Sabato ore 14.00 – 17,15 (Centro Recuperi: tel. 0585 251923, n. verde
800 396616 – Sede Asmiu: tel: 0585 831220).
13. i toner esauriti e i ricambi per stampanti devono essere conferiti negli appositi contenitori
forniti da ASMIU. In alternativa devono essere conferiti presso la piattaforma attrezzata per la
raccolta differenziata denominata “Centro Recuperi”, situata in Via Dorsale n. 24, con orario: da
Lunedì al Sabato ore 07.30 – 12.45 e Sabato ore 14.00 – 17,15 (Centro Recuperi: tel. 0585 251923,
n. verde 800 396616 – Sede Asmiu: tel: 0585 831220).
14. i pneumatici devono essere consegnati direttamente al rivenditore;
15. i rifiuti provenienti da lavori edili o stradali devono essere conferiti presso idonei impianti per
essere sottoposti alle relative operazioni di smaltimento, o trattamento e recupero;
16. salvo i casi previsti dalla legge speciale per la pubblicità elettorale è vietato il volantinaggio
sulla pubblica viabilità, compresa l’apposizione sui veicoli in sosta. Tale attività può essere svolta
esclusivamente all’interno dei mercati settimanali e nelle cassette per la posta ubicate presso le
abitazioni;
17. i parcheggi di esercizi commerciali dotati di varchi di accesso con rilascio di ricevuta, devono
installare apposito cestino presso l’uscita, dove l’utenza può conferire la ricevuta;
18. è fatto divieto di depositare rifiuti urbani o assimilati all’interno dei cestini stradali adibiti al
conferimento dei soli “rifiuti da passeggio” (esempio: carte, piccoli oggetti di consumo, scontrini,
etc.);
19. è fatto divieto di buttare mozziconi di sigaretta sul suolo pubblico;
20. è fatto divieto alle attività produttive di conferire nei cassonetti della N.U. rifiuti non assimilati agli
urbani;
21. è fatto divieto di abbandonare e depositare in modo incontrollato rifiuti di qualunque stato
(solido, semisolido, liquido) sul suolo, nel sottosuolo e nelle acque superficiali e sotterranee.
DISPONE
– che il presente provvedimento sia reso noto mediante pubblicazione all’Albo Pretorio Comunale e
Ordinanza Dirigenziale n. 502 del 10-08-2018
4/5
incarica ASMIU di affiggere e mantenere copia, od estratto della presente ordinanza in tutte le aree
adibite a raccolta rifiuti.
– che sia data la più ampia diffusione circa il contenuto del provvedimento in oggetto, anche
mediante la pubblicazione sul sito Internet del Comune di Massa e sui quotidiani di stampa locali.
– che gli Operatori di Vigilanza ed Ispezione dell’Azienda Regionale per la Protezione Ambientale (
A.R.P.A.T.), la Polizia Municipale, glia Agenti della Forza Pubblica e tutti i soggetti incaricati
dell’accertamento di violazioni in materia ambientale siano incaricati, ciascuno per le proprie
competenze, di vigilare sulla corretta esecuzione della presente ordinanza.
– che ai trasgressori della presente ordinanza sia comminata una sanzione amministrativa
pecuniaria da € 25 (venticinque/00) ad € 500 (cinquecento/00) ai sensi dell’ art. 7 – bis del D.Lgs.
267/2000, come introdotto dall’ art. 6 della Legge 16/01/2003. I trasgressori del suddetto obbligo
saranno ammessi al pagamento in misura ridotta, consistente nell’importo di € 50 (cinquanta/00), da
effettuarsi entro 60 giorni dalla contestazione immediata della violazione o dalla notificazione della
violazione, ai sensi dell’art. 16 della Legge n° 689/81. Qualora il trasgressore incorra per più di due
volte nella sanzione di cui sopra si procederà, nel caso di attività commerciali, alla sospensione
della licenza di vendita.
RENDE NOTO
– che ai sensi e per gli effetti dell’art. 2, comma 4 della Legge 7/08/1990 n. 241,avverso il presente
atto è ammesso il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale previa notifica a questa
Amministrazione entro 60 giorni dalla data di ricevimento della presente, oppure in alternativa, il
ricorso straordinario al Capo dello Stato (D.P.R. 24/11/1971, n. 1199). Il presente provvedimento
sostituisce ed abroga ogni altra disposizione emanata con precedenti ordinanze che dovesse
risultare in contrasto con essa;
– che a norma dell’art. 8 della Legge 241/90 il Responsabile del Procedimento è il Dirigente del
Settore Ambiente.
Il Dirigente
Dott. Fabio Mauro Mercadante
—————————————————————————————————————————
Numero  505 del  14-08-2018
OGGETTO:
DISPOSIZIONI PER LA CORRETTA MANUTENZIONE E PULIZIA DI FOSSI, CANALI, FOSSETTE DEL RETICOLO SUPERFICIALE E CORSI D’ACQUA. ORDINANZA.
IL DIRIGENTE
RAVVISATA la necessità di regolamentare le modalità di manutenzione e pulizia di fossi, canali,
fossette del reticolo superficiale e corsi d’acqua, presenti sul territorio comunale, al fine di garantire
il regolare deflusso delle acque, prevenendo situazioni di allagamento o di ristagno delle acque;
PRESO ATTO dell’importanza che tali operazioni di manutenzione e pulizia vengano condotte in
modo che gli scarti verdi, provenienti da sfalci e potature eseguiti sui cigli e sulle scarpate, non
finiscano per nessun motivo all’interno degli alvei, perché ne comprometterebbero l’efficienza
idraulica o, qualora scorressero fino al mare, incrementerebbero il successivo fenomeno di
spiaggiamento del cosiddetto “lavarone”;
CONSIDERATO che l’obiettivo principale della presente ordinanza è quello di fornire alle utenze
un’opportuna informazione per ciò che concerne il corretto conferimento dei rifiuti;
VISTO l’articolo 15, punto 2 del Regolamento del Patrimonio Verde pubblico e privato;
VISTO il Regolamento Comunale per i “Servizi di smaltimento rifiuti” approvato con atto deliberativo
del Consiglio Comunale n. 136 del 31 Luglio 1992;
VISTO il Regolamento di Polizia Urbana;
VISTO il Regolamento di Igiene Urbana;
VISTO lo Statuto dell’ASMIU, approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n. 105/1996 e
106/1996;
VISTO il Contratto di Servizio tra il Comune di Massa ed ASMIU, approvato con atto deliberativo del
Consiglio Comunale n. 32 del 12 Luglio 2007;
VISTA l’Ordinanza del Dirigente n. 502 del 10-08-2018;
VISTO il Codice della Strada;
VISTO il D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i.;
VISTO l’art. 107 del D.Lgs. n. 267/2000;
ORDINA
1. nel caso di fossi, scoli o corsi d’acqua fiancheggianti proprietà private e pubbliche, è fatto obbligo
ai proprietari di provvedere allo sfalcio della vegetazione erbacea spontanea almeno due volte
l’anno, entro il 30 marzo e dopo il 30 ottobre, al fine di mantenere l’efficienza idraulica atta a
garantire il regolare deflusso delle acque. Le operazioni dovranno rispettare i tempi di nidificazione
e di cova delle specie acquatiche. Stesso obbligo è previsto per i privati frontisti di canali, corsi
d’acqua e fiumi pubblici;
2. è vietato abbandonare i residui degli sfalci e delle potature nell’alveo o sulle sponde dei fossi e
dei canali;
3. i residui vegetali derivanti dallo sfalcio o da potature dovranno essere allontanati mediante lo
smaltimento differenziato dei rifiuti vegetali e precisamente:
Ordinanza Dirigenziale n. 505 del 14-08-2018
2/4
a) la frazione umida del rifiuto domestico e quantità inferiori a 100 kg di scarti verdi,
provenienti da sfalci e potature, devono essere conferiti nei contenitori di colore
MARRONE, in alternativa presso la piattaforma attrezzata per la raccolta differenziata
denominata “Centro Recuperi”, situata in Via Dorsale n. 24, con orario: da Lunedì al
Sabato ore 07.30 – 12.45 e Sabato ore 14.00 – 17,15 (Centro Recuperi: tel. 0585
251923, n. verde 800 396616 – Sede Asmiu: tel: 0585 831220);
b) gli scarti verdi, provenienti da sfalci e potature, per quantità superiori a 100 kg,
devono essere conferiti direttamente ad ASMIU, che ha previsto un servizio di raccolta di
tipo domiciliare, su richiesta dell’utente e previo accordo con il competente servizio
aziendale attivo dal Lunedì al Sabato dalle ore 08.00 alle ore 12.00 (n. verde 800
216606, attivo da Lunedì al Sabato dalle ore 08.00 alle 12.30). L’intervento è gratuito ed
è effettuato per quantità superiori a 100 kg. L’orario di effettuazione del servizio è previsto
di norma al mattino dalle ore 6.00 alle ore 12.00; in alternativa, per eventuali necessità
e/o imprevisti, il servizio è svolto nell’orario pomeridiano dalle ore 13.00 alle ore 19.00.
4. è ammesso lo smaltimento mediante combustione controllata dell’ammasso, previa domanda al
Sindaco e successiva autorizzazione di valenza annuale, come disposto dall’art. 15, punti 15.2,
15.2.4, 15.2.5, 15.2.6, 15.2.7, 15.2.8 del Regolamento del patrimonio verde pubblico e privato;
5. è fatto divieto di abbandonare e depositare in modo incontrollato rifiuti di qualunque stato
(solido, semisolido, liquido) sul suolo, nel sottosuolo e nelle acque superficiali e sotterranee;
6. è vietato procedere ad incendio allo scopo di diserbare la vegetazione spontanea sulle sponde
dei fossi, degli scoli, dei canali, degli argini dei fiumi e nelle aree incolte in genere;
7. è obbligatoria, da parte dei proprietari confinanti, l’eliminazione a tergo agli argini dei fossi, dei
canali e dei fiumi della vegetazione infestante di : rovi (Rubus sp.), vitalba (Clematis vitalba), robinia
(Robinia pseudoacacia), indaco bastardo (Amorpha fruticosa), ailanto (Ailantus altissima), ecc.
DISPONE
– che il presente provvedimento sia reso noto mediante pubblicazione all’Albo Pretorio Comunale e
incarica ASMIU di affiggere e mantenere copia od estratto della presente ordinanza in tutte le aree
adibite a raccolta rifiuti;
– che copia del presente provvedimento sia trasmessa a Consorzio Bonifica 1 Toscana Nord, Via
della Migliarina 64, 55049 Viareggio;
– che sia data la più ampia diffusione circa il contenuto del provvedimento in oggetto, anche
mediante la pubblicazione sul sito Internet del Comune di Massa e sui quotidiani di stampa locali.
– che gli Operatori di Vigilanza ed Ispezione dell’Azienda Regionale per la Protezione Ambientale (
A.R.P.A.T.), la Polizia Municipale, glia Agenti della Forza Pubblica e tutti i soggetti incaricati
dell’accertamento di violazioni in materia ambientale siano incaricati, ciascuno per le proprie
competenze, di vigilare sulla corretta esecuzione della presente ordinanza.
– che ai trasgressori della presente ordinanza sia comminata una sanzione amministrativa
pecuniaria da € 25 (venticinque/00) ad € 500 (cinquecento/00) ai sensi dell’ art. 7 – bis del D.Lgs.
267/2000, come introdotto dall’ art. 6 della Legge 16/01/2003. I trasgressori del suddetto obbligo
saranno ammessi al pagamento in misura ridotta, consistente nell’importo di € 50 (cinquanta/00), da
effettuarsi entro 60 giorni dalla contestazione immediata della violazione o dalla notificazione della
violazione, ai sensi dell’art. 16 della Legge n° 689/81. Qualora il trasgressore incorra per più di due
volte nella sanzione di cui sopra si procederà, nel caso di attività commerciali, alla sospensione
della licenza di vendita.
Ordinanza Dirigenziale n. 505 del 14-08-2018
3/4
RENDE NOTO
– che ai sensi e per gli effetti dell’art. 2, comma 4 della Legge 7/08/1990 n. 241,avverso il presente
atto è ammesso il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale previa notifica a questa
Amministrazione entro 60 giorni dalla data di ricevimento della presente, oppure in alternativa, il
ricorso straordinario al Capo dello Stato (D.P.R. 24/11/1971, n. 1199). Il presente provvedimento
sostituisce ed abroga ogni altra disposizione emanata con precedenti ordinanze che dovesse
risultare in contrasto con essa;
– che a norma dell’art. 8 della Legge 241/90 il Responsabile del Procedimento è il Dirigente del
Settore Ambiente.
Il Dirigente
Dott. Fabio Mauro Mercadante
Ordinanza Dirigenziale n. 505 del 14-08-2018
4

ore: 16:58 | 

comments powered by Disqus