ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

lunedì, 20 novembre, 2017

https://www.antenna3.tv/2017/11/20/sp-52-fontia-710-mila-euro-dalla-regione-toscana-finanziata-la-richiesta-presentata-dalla-provincia-nel-2016/

Mediavideo Antenna3

SP 52 Fontia: 710 mila euro dalla Regione Toscana Finanziata la richiesta presentata dalla Provincia nel 2016

di  Redazione web

La richiesta era partita dalla Provincia di Massa- Carrara a novembre 2016 ed era relativa al Dads 2017, il documento annuale della difesa del suolo della Regione Toscana: ad un anno di distanza è arrivata la notizia dell’accoglimento e del finanziamento di tutti i lavori relativi alla SP 52 di Fontia, nel Comune di Carrara, per un totale di 710 mila euro.

L’amministrazione di Palazzo Ducale aveva provveduto a finanziare con il proprio bilancio ed approvare tutta la progettazione dei vari interventi: preliminare, definitiva ed esecutiva.

Sono diverse le opere da effettuare, dalla sistemazione dei movimenti franosi a quella dei versanti della strada: comunque con la somma messa a disposizione dalla Regione si potranno effettuare tutte quelle programmate e la strada potrà quindi essere messa in sicurezza.

La progettazione esecutiva è già disponibile e quindi, accertata la somma in entrata nel bilancio, si può subito procedere all’indizione della gara per i lavori: il crono programma riportato nel finanziamento prevede che si arrivi al termine dell’intervento entro la fine del 2018.

ore: 20:45 | 

comments powered by Disqus