ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

sabato, 14 gennaio, 2017

https://www.antenna3.tv/2017/01/14/prc-risponde-a-brizzi-cavazzuti-si-e-dimesso-da-presidente-della-commissione-ma-le-dimissioni-sono-state-rifiutate/

Mediavideo Antenna3

PRC risponde a Brizzi “Cavazzuti si è dimesso da Presidente della commissione, ma le dimissioni sono state rifiutate”

di  Redazione web

Il Partito della Rifondazione Comunista di Massa è all’opposizione nel Consiglio comunale di Massa con un percorso chiaro e trasparente. Il Partito guarda sempre alle questioni nel merito, avendo come obiettivo l’interesse della collettività, coinvolgendo le persone sulle tematiche per noi più importanti: in questa fase l’ambiente, il lavoro e i beni comuni.
Il nostro consigliere Cavazzuti il 24 novembre ha presentato le dimissioni da presidente della commissione ambiente, dimissioni che tutti hanno rifiutato, compreso Andrea Ofretti dello stesso gruppo di Brizzi. Il percorso politico che deve ricomporre l’assetto delle commissioni deve essere democraticamente predisposto all’interno delle forze della minoranza, garantendo a tutti la rappresentatività democratica come individuata anche dai regolamenti comunali, e non può essere esclusiva di una forza politica. Stigmatizziamo pertanto i metodi utilizzati da Brizzi. Evidentemente, l’obiettivo di questo politico di lungo corso è la polemica in sé, non certo la costruzione di un percorso di opposizione. Anche perché — a ben guardare — se c’è qualcuno che è già pronto a stringere accordi per le prossime elezioni e continua a vagheggiare di un ritorno al centro sinistra quello è proprio Brizzi!
Noi sappiamo già che saremo da un’altra parte rispetto al PD e stiamo lavorando fin da subito alla costruzione di un’alternativa di sinistra. Brizzi sarà dove più gli converrà per la perpetuazione della propria “carriera” oppure dove gli diranno i suoi padroni, per tornare a difendere i poteri delle aristocrazie locali. Per quanto riguarda il nostro stare all’opposizione abbiamo sempre detto che avremmo valutato ogni atto e così abbiamo fatto e continueremo a fare: abbiamo votato ciò che ritenevamo opportuno, sia che venisse dalla maggioranza che dalla minoranza (come alcuni emendamenti del M5S). Non abbiamo votato il tentativo di PD e Arancioni di ricostruirsi una verginità su GAIA dopo che tutti gli attuali consiglieri degli Arancioni hanno votato e sostenuto l’ingresso di un socio privato, e quindi il fallimentare modello toscano, fino a che non è arrivato il Referendum del 2011 a rompergli le uova nel paniere. Brizzi &c. devono capire che anche se sono minoranza non significa che abbiano ragione. Non ci facciamo neanche prendere in giro e siccome abbiamo la memoria lunga abbiamo ritenuto che l’odg
della consigliera Menchini fosse di pura e semplice strumentalità. Quando in giunta c’erano loro non si sono comportati meglio. Sulle politiche del lavoro inoltre il loro punto di vista non è diverso, basti ricordare anche le dichiarazioni di Brizzi in consiglio comunale sui dipendenti di GAIA, quindi totale strumentalità. Pensiamo che questo attacco scomposto di Brizzi sia dovuto, in realtà, al fastidio che danno alcune nostre prese di posizione contro la distruzione dell’ambiente da parte delle cave. Anzi,
forse, proprio la nostra maggiore libertà dall’opposizione preoccupa e si sta cercando di distrarre i cittadini dalle nostre iniziative sui beni comuni, come la raccolta di firme per far pagare la depurazione delle acque ai padroni delle cave e altre di controllo del territorio. Capiamo (e anzi siamo contenti!) che a Brizzi e ai suoi padroni dia fastidio che sia passato il nostro emendamento sul concetto di agro marmifero come bene comune nello Statuto comunale.
C’è chi fa opposizione per costruire un’alternativa al PD e a questo modello di società e chi per rimanere sempre a gestire il potere. Per capire, basta guardare chi è che sta da oltre 30 anni sulle poltrone.

ore: 18:28 | 

comments powered by Disqus