ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

mercoledì, 27 giugno, 2018

https://www.antenna3.tv/2018/06/27/beni-estimati-negli-agri-marmiferi-sono-un-bene-pubblico-giannarelli-vittoria-5-stelle-consiglio-regionale-approva-proposta-di-legge-al-parlamento/

Mediavideo Antenna3

“BENI ESTIMATI NEGLI AGRI MARMIFERI SONO UN BENE PUBBLICO” GIANNARELLI: “VITTORIA 5 STELLE, CONSIGLIO REGIONALE APPROVA PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO”.

di  Redazione web

Approvata oggi dal Consiglio regionale della Toscana una proposta di legge al Parlamento presentata dal Gruppo regionale del Movimento 5 Stelle che ribadisce che appartengono al patrimonio indisponibile pubblico di Massa e di Carrara i beni estimati che insistono negli agri marmiferi dei due Comuni.

 

“E’ una grande vittoria per il Movimento 5 Stelle – esulta Giacomo Giannarelli, Presidente del Gruppo regionale pentastellato – La nostra proposta di legge al Parlamento riprende una sentenza della Corte costituzionale del 2016 che  ha sanzionato la legge regionale sulle cave, in quanto la Regione non è competente a stabilire se tali beni estimati siano pubblici o privati. Tale decisione spetta, infatti, alla legge dello Stato. Per questo abbiamo proposto una legge d’iniziativa regionale in Parlamento, al fine di stimolare il legislatore nazionale a pronunciarsi in merito. La proposta approvata oggi in Consiglio regionale ripropone l’interpretazione di cui all’editto di Maria Teresa Cybo Malaspina del 1751, interpretazione che accoglie le tesi giuridiche di autorevoli esponenti di diritto costituzionale che affermano che la natura dei “beni estimati” è pubblica, nel senso che sono beni che appartengono al patrimonio indisponibile comunale. L’esercizio dell’attività estrattiva è quindi sottoposto a concessione temporanea ed onerosa da parte del Comune, previo esperimento di procedura di gara ad evidenza pubblica. Oggi è una giornata storica per la comunità di Carrara – conclude Giannarelli – abbiamo approvato una legge che si aspettava da 300 anni.”

ore: 18:24 | 

comments powered by Disqus