ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

mercoledì, 27 giugno, 2018

https://www.antenna3.tv/2018/06/27/porto-di-marina-di-carrara-aggiudicazione-ufficiale-della-gara-vinta-dalla-dario-perioli-s-p-a-per-dieci-anni-in-corso-anche-la-gara-per-completare-fino-al-livello-esecutivo-il-progetto-di-water-fr/

Mediavideo Antenna3

Porto di Marina di Carrara: aggiudicazione ufficiale della gara vinta dalla Dario Perioli S.p.A.per dieci anni. In corso anche la gara per completare fino al livello esecutivo il progetto di water front”.

di  Redazione web

L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, ha recentemente espletato la gara di appalto per l’affidamento in concessione demaniale decennale di parte delle banchine Taliercio e Chiesa del porto di Marina di Carrara.

Con l’aggiudicazione della gara in favore della ditta vincitrice, la società Dario Perioli S.p.A., a partire dal primo luglio si arricchirà il numero di operatori del porto, che potrà quindi contare su un terzo operatore, oltre alla Porto di Carrara Spa, alla storica presenza che per molti anni ha garantito traffico al nostro porto ed occupazione al nostro territorio, e a quella più recente, ma non meno importante, la Grendi.

La Dario Perioli porterà a Marina di Carrara traffici di rinfuse oggi operati presso il porto della Spezia, alimentati da linee regolari con il Nord Africa e svolte con proprie navi, favorendo pertanto nel porto di Marina di Carrara nuove prospettive di crescita.

L’ultimo passaggio che si intende mettere in atto, sarà quello di affidare in concessione anche il tratto residuo di testata della banchina Talercio, volutamente non inserito nella gara in via di affidamento, vista la volontà dell’Autorità di Sistema Portuale e dell’Amministrazione Comunale di implementare su tale tratto di banchina un traffico di tipo crocieristico, strutturando ed incrementando quello che già da una decina di anni si svolge sulla Taliercio, seppure con numeri modesti.

A regime, quindi, il porto di Carrara passerà dall’avere un solo operatore, come è stato fino al 2016, a quattro, su banchine affidate con regolari concessioni, dietro pagamento del canone demaniale previsto per legge e con precisi piani industriali, che prevedono traffici, investimenti e occupazione, a carico degli operatori.

“Dietro le iniziative dell’Autorità di Sistema Portuale, c’è una logica semplicissima: muoversi in una cornice di correttezza sotto il profilo del rispetto delle norme e dell’azione amministrativa  e, al tempo stesso,  tentare di far crescere il traffico del porto e, di conseguenza, il livello occupazionale, nella convinzione che il traffico di rinfuse, seppure oggettivamente non più trainante come un tempo a causa dell’avvento dei contenitori, unitamente al project cargo, possa ancora svolgere un ruolo importante, specie in un porto come Marina di Carrara, servito da un ottimo sistema di viabilità e che disporrà a breve anche di un efficiente collegamento ferroviario, stante l’imminente avvio di lavori in tal senso da parte della AdSP e di RFI. “, ha dichiarato la Presidente dell’AdSP, Carla Roncallo

Quanto sopra riguarda la situazione attuale; la AdSP, traguarda in futuro ad un ampliamento del porto, che, seppure modesto e comunque contenuto a ponente della foce del torrente Carrione, consenta di razionalizzare le funzioni, portando nella parte di levante del porto le attività legate al traffico merci (rinfuse, contenitori, project cargo) e, a ponente, il traffico crocieristico e la nautica da diporto. In questo modo si consentirà finalmente di fornire risposte migliori, in termini di spazi ed infrastrutture, a tutti gli operatori ed alle imprese che contano sul porto per svolgere le loro importanti attività imprenditoriali, anche nel settore cantieristico e diportistico.

 

 

“L’ampliamento verrà studiato in maniera da non incidere minimamente in termini negativi sull’equilibrio costiero, come verrà dimostrato in maniera scientifica con studi appropriati – prosegue il presidente – . Va da se che in questa operazione non deve essere trascurato il rapporto porto-città, anche per il contesto di pregio entro il quale il porto di Marina di Carrara si colloca; a tale proposito, è in corso la gara per completare fino al livello  esecutivo il progetto di water front, in modo da  avviarne a breve la realizzazione, grazie anche  ad ingenti contributi del Ministero delle Infrastrutture  e della Regione Toscana, che sulla base di un progetto molto bello, già redatto a livello preliminare, hanno creduto nella necessità di riqualificare il fronte mare e di migliorare il rapporto tra città e porto, investendo ingenti somme per pervenire a questo risultato.”

“Se questa strategia potrà essere realizzata fino in fondo e sarà efficace, se questi programmi consentiranno di aumentare il traffico delle merci e dei passeggeri e naturalmente il livello occupazionale, senza trascurare la necessità, sempre più sentita, di riqualificare lo spazio di confine tra porto e città, la nuova Governance dell’Autorità di Sistema, avrà semplicemente fatto il suo dovere e raggiunto l’obiettivo che il Governo le ha affidato.”, conclude Carla Roncallo

ore: 18:18 | 

comments powered by Disqus