Entro luglio sarà pronta e potrà essere inaugurata la nuova rsa Pelù in via Marina Vecchia, un percorso durato ben 22 anni. E così si realizza il sogno di Piera Teresa, moglie di Ezio Pelù a cui la Fondazione è intitolata il cui obiettivo è sempre stato la cura degli anziani, con particolare riguardo ai non autosufficienti. Parte degli immobili furono donati all’azienda sanitaria per realizzare una Rsa, ma negli anni quel progetto e i finanziamenti della regione sono stati rivisti e bloccati. Fino ad oggi. Mancano le rifiniture esterne e gli arredi, poi per la fine di luglio Fondazione, Asl, Regione Toscana e Comune di Massa potranno tagliare il nastro. E da quel momento potrà essere operativa per accogliere da 32 a 36 pazienti. Saranno disponibili dieci posti per le cure intermedie, 4 di modulo riabilitativo, 18 di modulo base per autosufficienti, e se verrà dato il via libera, altri 4 posti saranno residenziali per i malati di Alzheimer. Una piccola anticipazione illustrata dal direttore sanitario della casa Ascoli Ermanno Biselli, dal presidente Ernesto Manfredi e dal sindaco Alessandro Volpi. Principalmente saranno svolte attività di ricovero e cura delle forme di Alzheimer sia in Day Hospital diurno che h 24, attività di cure intermedie e altre di sollievo e cure domiciliari. E considerati gli ampi spazi, l’idea è di portare avanti attività ricreative o creare una rete per gli accompagnatori degli anziani. “Riceviamo 2-3 richieste al giorno – dice Biselli – e la nuova struttura ci consentirà di dare risposte alle esigenze dei cittadini; negli ultimi anni, in estate, abbiamo avuto richieste anche da parte di turisti”.