ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

lunedì, 30 aprile, 2018

https://www.antenna3.tv/2018/04/30/confartigianato-lintervento-del-presidente-chericoni-basta-slogan-siamo-stanchi-delle-retoriche-campagne-elettorali/

Mediavideo Antenna3

CONFARTIGIANATO L’INTERVENTO DEL PRESIDENTE CHERICONI “Basta slogan, siamo stanchi delle retoriche campagne elettorali”

di  Redazione web

Basta slogan, siamo stanchi delle retoriche campagne elettorali, non abbiamo ancora digerito quelle delle ultime politiche, e siamo già insofferenti verso quelle delle prossime amministrative massesi.

Sono due i concetti che tutte le forze politiche esprimono con forza: la volontà di agire “per il bene del cittadino” e la determinazione per il rilancio del mondo delle imprese. Benissimo, ma ora abbiamo bisogno di risposte veloci, di riscontri immediati. Perché ad oggi sono pochi e deboli i segnali pervenuti.

Confartigianato da tempo chiede alla politica, in particolar modo, che il settore delle costruzioni torni ad essere al centro delle politiche per la crescita del territorio. Il mercato delle costruzioni è un ‘motore’ sempre acceso, ma sta andando al minimo, il carburante si sta esaurendo, soprattutto quello della fiducia. Sono quindi sempre più improcrastinabili misure concrete. A livello nazionale qualcosa è stato fatto, basti pensare alla politica delle detrazioni fiscali. A livello locale il nulla, forse peggio ancora.

Tra le misure urgenti Confartigianato Imprese Massa Carrara, per prima, già la scorsa primavera chiese a gran voce, negli uffici del Sindaco Volpi, la revisione delle procedure urbanistico-edilizie ferme da decenni e l’adozione di metodologie partecipative che, senza allungare i tempi, eliminerebbero conflittualità e interpretazioni diverse a seconda dell’operatore e del funzionario del momento. All’input di Confartigianato fece seguito la brillante azione sinergica effettuata dalla consulta delle categorie istituita presso la Camera di Commercio che caldamente chiese agli amministratori massesi di accelerare i tempi per una rapida approvazione. Macchè, il grido di allarme, momentaneamente recepito, è rimasto per mesi inceppato fra le miserabili ruggini dei giochi delle forze politiche. Comportamenti irresponsabili ed irrispettosi che, per interminabili settimane, hanno fatto del consiglio comunale di Massa un teatrino imbarazzante.

Ad oggi, forse per ragione, forse per convenienza, l’attuale fronte politico di maggioranza sembra essersi di nuovo compattato sulla questione. Sedute fiume in cui vengono votate oltre cento osservazioni, tutto il Pd attorno al sindaco Volpi che sta riscuotendo in merito anche l’appoggio responsabile di alcuni arancioni. L’auspicata approvazione collettiva dello strumento urbanistico vede però la resistenza questa volta delle opposizioni che annunciano di non partecipare alle sedute in quanto a 45 giorni dal voto sarebbe violata la norma che consentirebbe l’approvazione solo di pratiche urgenti. Come se l’approvazione del regolamento non fosse questione urgente!

Confartigianato non si è però fermata di fronte a questo gioco al massacro e così ha chiesto ed ottenuto un incontro con la Regione Toscana al fine di chiarire definitivamente tempistiche e modalità per l’approvazione dello strumento urbanistico al fine di verificare se lo strumentale impasse politico rischiasse o meno di azzerare il processo di adozione del Regolamento con la necessità di dover praticamente ricominciare da zero tutto l’iter di approvazione.

Dall’incontro è emersa, con le dovute cautele, la convinzione che se il Consiglio Comunale approvasse ed inviasse gli atti per le verifiche successive (in sostanza conformità con il PIT) ciò non comporterebbe il conseguente azzeramento del procedimento anche andando oltre la paventa scadenza del termine del 24 luglio. Nel dubbio, comunque è molto raccomandata una forte accelerazione circa l’approvazione degli atti.

L’approvazione del Regolamento Urbanistico del Comune di Massa rimane una priorità assoluta per la Confartigianato Imprese di Massa Carrara, fermamente convinta che solo l’adozione di tale strumento possa dare una possibilità concreta di ripresa produttiva ed economica. Non solo alle imprese del comparto delle costruzioni, dell’’indotto ad esso collegato ed ai professionisti ma anche ai cittadini stessi che, in assenza dello strumento urbanistico, vedono ingessate ogni possibilità di intervento edilizio. Ulteriori rinvii sarebbero un dramma per la città, a livello sociale, occupazionale ed economico, pertanto sin d’ora invitiamo anche gli elettori ad una riflessione approfondita prima di recarsi alle urne il prossimo 10 giugno.

ore: 12:53 | 

comments powered by Disqus