ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

venerdì, 17 marzo, 2017

https://www.antenna3.tv/2017/03/17/interpellanza-sulla-nuova-vessazione-del-consorzio-zona-industriale-apuana-richiesta-di-chiusura-dello-stesso/

Mediavideo Antenna3

INTERPELLANZA SULLA NUOVA VESSAZIONE DEL CONSORZIO ZONA INDUSTRIALE APUANA. RICHIESTA DI CHIUSURA DELLO STESSO.

di  Redazione web

Il Consorzio Zona Industriale Apuana ha notificato in questi giorni  alle imprese ricadenti nel perimetro della zona industriale l’ importo del contributo relativo agli anni 2015 e 2016 nella misura di € 0,032 per mq. di superficie occupata, con un minimo di contributivo di € 150,00 per le imprese che non superano i 5.000 mq, insomma una cifra complessiva di tutto rispetto che secondo tanti imprenditori non è dovuta perché la richiesta è da considerarsi del tutto fuori luogo a causa della  forte crisi industriale che ha colpito la nostra provincia, anche per responsabilità dirette del consorzio stesso. Infatti, le aziende più importanti della nostra zona sono quasi tutte chiuse, le realtà più piccole se non sono fallite hanno ridotto il personale e  altre attività strategiche come la Rational sono in via di dismissione per richieste di fallimento, senza dimenticare il tasso di disoccupazione del nostro comune che ha ormai raggiunto il 14%, il più alto in assoluto della provincia e della Regione Toscana che si è stabilizzata intorno al 12%. Il Consorzio Zona negli ultimi vent’anni non ha prodotto risultati positivi, ma ha solo rappresentato un costo di centinaia di migliaia di euro annuali solo per pagare gli stipendi e la gestione. Lo stesso Sindaco Volpi ha dichiarato qualche consiglio comunale fa, che il consorzio è inutile e dovrebbe essere chiuso, invece, al contrario, oltre ad incassare soldi pubblici da comuni e regione, avanza prepotentemente richieste come questa che vessano ulteriormente gli operatori industriali e artigianali già fin troppo colpiti dalla crisi e dal pagamento delle tasse. In fondo il C.Z.I.A. è nato con delle precise finalità, quali :

1)Valorizzare le risorse del territorio finalizzate ai processi di industrializzazione;

2)Promuovere lo studio ed attuare direttamente l’esecuzione di infrastrutture ed opere di sistemazione di terreni ed impianti , nonché la manutenzione d quanto già in esercizio e dei servizi relativi;

3)Realizzare e gestire in collaborazione con le associazioni imprenditoriali  infrastrutture per l’industria, rustici industriali e servizi reali alle imprese;

4)Chiedere l’espropriazione degli immobili ;

5)Promuovere ed attivare iniziative per il riutilizzo delle aree dismesse;

6)Assumere iniziative per l’orientamento e la formazione professionale dei lavoratori e per la qualificazione degli imprenditori;

7)Promuovere iniziative pubbliche e private per la creazione di nuove imprese;

8)Acquisire partecipazioni in società o imprese per la nascita di nuove industrie;

9)Concorrere a regolare la distribuzione degli insediamenti produttivi;

10)Svolgere e promuovere ogni altra iniziativa o servizio comunque connessi ai propri fini e alla produzione industriale.

 

Leggendo attentamente questi punti, ci si rende conto che il consorzio in questi anni ha prodotto molto poco rispetto agli obiettivi stabiliti  nello Statuto, ma in compenso è stato ed è un carrozzone costato molto caro ai cittadini, sul quale sarebbe necessario intervenire in modo drastico chiudendolo. Per quanto riguarda il contributo richiesto è necessario sottolineare che lo stesso non è obbligatorio, ma solo un’opportunità offerta al consorzio dall’ art. 12 della Legge regionale n. 59/85 per finanziare le proprie attività che in realtà non ci sono e neanche ci sono state negli anni passati.

Per quanto sopra,

INTERPELLO IL SINDACO DI MASSA

 

per chiedergli di intervenire nei confronti del Consorzio Zona Industriale affinché venga annullata immediatamente la richiesta del contributo considerato illegittimo e non dovuto a tutti gli effetti;

Chiedo, inoltre, di valutare l’opportunità di avviare un percorso per addivenire alla chiusura di questo carrozzone costato solo negli ultimi 10 anni, milioni di euro.

Stefano Benedetti

Consigliere Comunale

 

ore: 17:44 | 

comments powered by Disqus