0 Aservizio tg

Mentre Achille Passoni, responsabile lavoro del pd nazionale, parla alla platea di lavoratori, che da settimane ricevono la visita di politici e sindacalisti, Giovacchino Pitanti della Rsu Eaton ci porta a fare un giro per la fabbrica e scopriamo con lui che sono stati messi i sigilli alle porte. Qualcuno, verosimilmente i quattro lavoratori a cui ancora è permesso di entrare in fabbrica, hanno messo catene e lucchetti alle porte, anche a quelle antipanico come ci spiega pitanti

La fabbrica dunque rimane occupata se non per questo capannone industriale, a cui sono stati messi i sigilli, per volere della proprietà. Volendo i lavoratori riuscirebbero ad entrare ma la mancanza di porte antipanico rende l’occupazione di quel capannone pericolosa. Insomma loro sono stati disponibili con chi doveva continuare a lavorare negli uffici, ma sono stati traditi dall’interno. La fabbrica continua a rimanere occupata, gli operai entrano dai cancelli e dormono nello stabilimento. Ma la Eaton ha fatto sentire chi comanda.