ore:  15:12 | Maltempo, codice arancione per temporali, vento e mareggiate dalle 18 di oggi, giovedì, alle 20 di sabato 26 settembre

ore:  14:34 | Coronavirus: TOSCANA – 90 nuovi casi, 1 decesso, 93 guarigioni

ore:  13:02 | allerta colore Giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Mercoledì, alle ore 23.59 Giovedì, 24 Settembre 2020

ore:  14:57 | Codice giallo per pioggia e temporali fino alla mezzanotte di domani

ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

lunedì, 22 giugno, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/06/22/larma-mette-i-sigilli-a-villa-massoni-laccusa-ai-casonato-e-danneggiamento/

Mediavideo Antenna3

L’Arma mette i sigilli a Villa Massoni: l’accusa ai Casonato è danneggiamento

di  Redazione web

sigilli villa massoni 22 6 15Questa mattina i carabinieri hanno messo i sigilli a Villa Massoni, una delle residenze storiche dei Cybo Malaspina, da anni lasciata al più totale degrado. L’accusa mossa ai fratelli Casonato, proprietari dell’immobile e del parco, si basa sull’articolo 733 del codice penale: danneggiamento al patrimonio storico, archeologico o artistico nazionale. In soldoni i proprietari sono accusati di aver abbandonato al degrado un bene pur sapendo del suo elevatissimo valore storico e artistico. Si tratta di un reato contravvenzionale ma può portare anche alla confisca del bene. I militari del nucleo tutela patrimonio culturale di Firenze, in collaborazione con la compagnia di Massa, si sono mossi su input della Procura della Repubblica e ieri mattina sono saliti lungo via della Rocca e hanno messo i sigilli all’ingresso del parco e della stessa Villa. Poco dopo, in Tribunale, il Procuratore capo Aldo Giubilaro, il capitano Lanfranco Disibio, il luogotenente Sauro Bertinelli, l’architetto Maria Grazia Tampieri (per la Soprintendenza) e lo storico dell’arte Claudio Casini in conferenza stampa hanno mostrato immagini drammatiche. Villa Massoni, che nel 1500 era una vera opera d’arte, è prossima al crollo. I piani superiori non possono essere controllati perchè solai e controsolai sono crollati o fatiscenti. Le mura perimetrali sono impregnate d’acqua e i tetti sono un vero colabrodo. Il giardino, realizzato con terrazzamenti in marmo e ricco di giochi d’acqua e sculture, ora è una giungla. Molte opere d’arte sono svanite nel nulla. Probabilmente rubate o vendute. E quelle che restano sono a terra, in mille pezzi. Particolare importante. I danni sono stati scoperti anche grazie al sorvolo di Villa Massoni sui mezzi del quarto nucleo elicotteri carabinieri di Pisa. Dopo, per entrare nel parco, i militari hanno dovuto chiedere aiuto ai vigili del fuoco, arrivati con decespugliatori e asce.

 

 

la nazione

ore: 15:34 | 

comments powered by Disqus