Il recente bilancio consuntivo del 2023 della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara ha ottenuto un giudizio positivo, ma mantenendo una prospettiva realistica.

Il documento, recentemente approvato dal Comitato di indirizzo, costituisce una solida base per l’attività dell’ente sul territorio nel 2024, tenendo conto di un contesto internazionale complesso dal punto di vista economico, finanziario e politico.

I conti riflettono una situazione finanziaria stabile, con un utile che ha permesso di accumulare risorse dalla chiusura del rendiconto del 2023. Quest’anno ha confermato l’importanza della Fondazione CRC nel promuovere e valorizzare l’intero territorio, dalla Lunigiana fino alla costa.

Sotto la guida del presidente Enrico Isoppi, l’attività della Fondazione si è ampliata negli ultimi anni con l’obiettivo di coinvolgere l’intera provincia apuana. I numeri presentati nel bilancio del 2023 e nella relazione del presidente testimoniano questo cambiamento significativo. Isoppi sottolinea un nuovo approccio nella redazione del documento, mettendo in primo piano il Bilancio di Missione che evidenzia l’attività di erogazione a sostegno della comunità.

Nel 2023, la Fondazione ha deliberato oltre 530.000 euro di contributi per 94 richieste accolte, evidenziando anche il ruolo centrale di Palazzo Binelli nell’appoggio all’arte e alla cultura.

Il successo del festival Con-Vivere è stato confermato, insieme ad altri progetti come Lungomare da Leggere e Il Cammino di Aronte, che hanno ricevuto un ampio consenso di pubblico e apprezzamenti dagli ospiti.

Le erogazioni della Fondazione CRC non si limitano all’arte e alla cultura, ma includono interventi cruciali in settori come la salute pubblica, l’istruzione e la formazione, l’ambiente, il volontariato e lo sport. Questo impegno dimostra il costante sostegno della Fondazione contribuendo al benessere e allo sviluppo del territorio.