Il clima di festa della notte di Natale è stato improvvisamente oscurato da una tragedia che ha colpito una famiglia molto conosciuta. a Sarzana.

Alessandro Rossi, 49 anni, ha perso la vita in un incidente stradale, rendendo il giorno di Natale amaro e segnato dalla tristezza per tutti coloro che lo conoscevano.

Alessandro avrebbe compiuto 50 anni il prossimo giugno, ma per la comunità era sempre rimasto il giovane ragazzo che aveva iniziato a lavorare giovanissimo al buffet della Stazione. Era molto amato per il suo carattere sempre allegro e il sorriso contagioso. Anche se il suo nuovo lavoro gli imponeva orari diversi, non mancava di salutare la sua “vecchia” compagnia, specialmente la domenica mattina e nei giorni festivi.

L’altro pomeriggio, Alessandro stava rientrando da Viareggio dopo aver trascorso il pomeriggio con alcuni amici per il classico brindisi natalizio. La sua famiglia lo stava aspettando a casa in via Aurelia, ma quando non è arrivato, hanno cominciato a preoccuparsi. Hanno cercato ripetutamente di chiamarlo al telefono senza ricevere risposta fino a quando la Polstrada ha comunicato loro della drammatica notizia dell’incidente avvenuto sulla A12 tra i caselli di Massa e Carrara.

Alessandro era un guidatore esperto, lavorando come autotrasportatore nell’azienda Sernav di Santo Stefano Magra, seguendo le orme del padre.

Era familiare con l’autostrada, ma è probabile che abbia perso il controllo della sua Hyundai a causa di un malore, finendo per schiantarsi contro il guardrail.

Il funerale di Alessandro si terrà domani, giovedì, alle 15 presso la cattedrale di Santa Maria Assunta, dove la sua salma sarà portata dall’ospedale di Carrara. La famiglia di Alessandro, conosciuta in città, è devastata dal dolore. Lascia nella tristezza la madre Luana, la compagna Claudia, il fratello Maurizio, il nipote Marco e moltissimi amici. Dopo la cerimonia funebre, il corteo si dirigerà al cimitero di Turigliano per la cremazione. La comunità locale è unita nel cordoglio per questa improvvisa e dolorosa perdita