ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

giovedì, 15 ottobre, 2020

https://www.antenna3.tv/2020/10/15/niente-pagamento-del-suolo-pubblico-per-gli-ambulanti-dall1-marzo-scorso-al-15-ottobre-la-vittoria-di-fiva-confcommercio-i-comuni-che-hanno-gia-incassato-i-soldi-per-quel-periodo-dovrann/

Mediavideo Antenna3

NIENTE PAGAMENTO DEL SUOLO PUBBLICO PER GLI AMBULANTI DALL’1 MARZO SCORSO AL 15 OTTOBRE. La vittoria di Fiva Confcommercio: i Comuni che hanno già incassato i soldi per quel periodo dovranno rimborsarli

di  Redazione web

Fiva Confcommercio, il sindacato nazionale dei venditori ambulanti, ha ottenuto un importante risultato grazie al suo “pressing” nei confronti del Governo. A renderlo noto è il segretario generale della federazione Armando Zelli: la Gazzetta Ufficiale dello scorso 13 ottobre ha pubblicato infatti la legge di conversione del “Decreto Agosto”, attraverso la quale – in considerazione dell’emergenza covid – i titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l’utilizzazione del suolo pubblico per l’esercizio del commercio su aree pubbliche vengono esonerati dal pagamento del suolo pubblico stesso per il periodo compreso fra l’1 marzo e il 15 ottobre. Una misura, questa, richiesta con forza dal sindacato Fiva Confcommercio.

La federazione sottolinea come con il termine “esonero” venga sancito il fatto che la tassa o il canone non siano dovuti per il periodo indicato e che laddove gli imprenditori abbiano già versato i soldi ai rispettivi Comuni di riferimento, le amministrazioni siano tenute a rimborsare le somme eventualmente incassate

ore: 16:19 | 

comments powered by Disqus