ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

giovedì, 11 ottobre, 2018

https://www.antenna3.tv/2018/10/11/lunedi-inaugurata-lapide-commemorativa-del-tenore-francesco-mannucci-nato-a-massa-e-nonno-di-lucia-del-quartetto-cetra/

Mediavideo Antenna3

Lunedi verrà inaugurata lapide commemorativa del tenore Francesco Mannucci nato a Massa e nonno di Lucia del Quartetto Cetra

di  Redazione web

Dopo le targhe a Dante Fermo Marchetti, a Carolina Borbone duchessa di Berry, agli stampatori Frediani e ai musicisti celebrati alla Conca, Franco Frediani, proseguendo il percorso di valorizzazione di illustri personaggi massesi, rende omaggio ad un altro concittadino. Lunedì 15, alle ore 12, alla presenza del Sindaco Francesco Persiani, verrà infatti inaugurata in via Cavour al n° 30, una semplice lapide commemorativa a ricordo del tenore Francesco Mannucci. Saranno presenti anche i pronipoti Erica  e Carlo, figli rispettivamente del nipote Cesare e della nipote Lucia, la famosa cantante del Quartetto Cetra. La cittadinanza è invitata tutta.

Tenore di fama nazionale, ma non solo, Mannucci vide la luce a Massa il 25 febbraio del 1867 e in città compì gli studi sino alla maturità liceale, conseguita nel Regio Liceo Pellegrino Rossi. Gli studi universitari, condotti nell’Ateneo bolognese, lo premieranno con una meritata laurea in legge e il suo primo Studio legale aprirà i battenti nel medesimo palazzo dell’abitazione di via Cavour. La passione per il canto, che mai lo aveva abbandonato, avrà la meglio su quella dell’avvocatura, preferendo ai codici e ai commi, gli spartiti musicali. Il debutto canoro avvenne nel gennaio del 1895 in occasione del carnevale. Il nostro Teatro Guglielmi lo vide interprete di una Traviata : due serate da tutto esaurito tra applausi scroscianti. E dal palcoscenico casalingo, al nostro artista si aprirà una brillantissima carriera che lo porterà a calcare i teatri più prestigiosi d’ Italia e d’Europa. Dal 1911 si dedicherà all’insegnamento aprendo una scuola di canto dapprima a Bologna e in seguito a Milano dove resterà sino al 1937, anno in cui fa ritorno a Bologna. Per sfuggire ai bombardamenti della sopraggiunta guerra mondiale, si rifugia nella vicina Monte San Pietro, dove però trova morte naturale il 12 novembre 1943 all’età di 76 anni.

ore: 18:48 | 

comments powered by Disqus