ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

mercoledì, 12 settembre, 2018

https://www.antenna3.tv/2018/09/12/su-fossa-combratta-un-percorso-partecipativo-lo-chiede-il-parco-in-conferenza-dei-servizi/

Mediavideo Antenna3

“Su Fossa Combratta un percorso partecipativo” Lo chiede il Parco in Conferenza dei Servizi.

di  Redazione web

Su cava Fossa Combratta si deve aprire un percorso ampio di partecipazione. E’ questa la richiesta che il Parco Regionale delle Alpi Apuane ha avanzato nella Conferenza dei Servizi che si è riunita stamani mattina presso la sede di via Simon Musico, per discutere in merito a Fossa Combratta, la cava n 131 che si trova in area contigua di cava tra Massa e Carrara nella zona Brugiana, che ha presentato un piano di messa in sicurezza.

La riunione era stata convocata in aggiornamento a quella che si era svolta il 5 Settembre scorso in cui alcuni rappresentanti delle amministrazioni presenti avevano chiesto di poter effettuare verifiche più precise. La Conferenza di stamani si è conclusa con la richiesta alla ditta di una rimodulazione del progetto.

Nel frattempo, a fronte però delle differenti posizioni in campo indirizzate al rilascio dell’autorizzazione, considerati gli appelli avanzati da più parti e le richieste di tutela del sito in questione, il Parco, ha suggerito di aprire alla partecipazione. Lo ha fatto chiedendo agli Organi dell’Ente di “valutare l’opportunità di attivare forme di partecipazione e consultazione delle popolazioni residenti, delle associazioni e delle categorie economiche, quali quelle previste dalla legge regionale n. 10/2010 e successive modificazioni ed integrazioni.”

 

“Un percorso partecipativo – afferma il Presidente del Parco Alberto Putamorsi – è la strada più idonea da percorrere. Fin da subito avevo avanzato in merito al progetto di messa in sicurezza le mie perplessità. Lo avevo fatto in maniera netta, definendo il progetto una furbata inopportuna. Ero e sono consapevole del fatto che le mie sono indirizzi politici e che in conferenza dei servizi siedono i tecnici. Tuttavia – aggiunge Putamorsi- continuo ad essere preoccupato anche per il fatto che, in base al progetto, non vi è ritorno socio economico per la comunità locale dal momento che, lo stesso proponente dichiara che gran parte dei materiali da trattare è priva di valore commerciale.”

 

Le riserve del Parco erano emerse fin dalla prima conferenza dei servizi che si era tenuta il 3 agosto.

Adesso, con l’apertura di un percorso partecipativo, tutti i soggetti che a vario titolo hanno manifestato proposte, critiche e osservazioni, possono parlare in un confronto pubblico, aperto e partecipato.

ore: 18:49 | 

comments powered by Disqus