ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

mercoledì, 5 settembre, 2018

https://www.antenna3.tv/2018/09/05/avviato-percorso-tra-il-comune-di-montignoso-e-arpat-per-risolvere-il-problema-odori-al-lago-di-porta-lassessore-massimo-poggi-progetto-che-coinvolgera-enti-e-famiglie-per-il-monitoraggio-de/

Mediavideo Antenna3

Avviato percorso tra il Comune di Montignoso e Arpat per risolvere il problema odori al Lago di Porta. L’Assessore Massimo Poggi: «Progetto che coinvolgerà enti e famiglie per il monitoraggio del territorio»

di  Redazione web

«Questo è il primo incontro di un percorso che abbiamo avviato con Arpat per il monitoraggio degli odori provenienti dalla zona del Lago di Porta, un progetto che ci permetterà di acquisire ulteriori informazioni e conoscenze dal punto di vista tecnico e ambientale sull’area». Sono le parole dell’Assessore Massimo Poggi al termine del confronto con la Responsabile del Dipartimento Massa Carrara Arpat Gigliola Ciacchini e l’Ingegner Donato Antonio Spinazzola avvenuto martedì scorso a Villa Schiff e che permetterà nei prossimi mesi di realizzare un progetto di studio per capire la natura delle maleodoranze avvertite nelle zone limitrofe al lago.

«Ci siamo attivati grazie alle segnalazioni che abbiamo ricevuto dai nostri cittadini – prosegue l’Assessore – e abbiamo trovato l’immediata disponibilità dell’agenzia per una collaborazione che possa appunto chiarire il fenomeno delle emissioni odorigene causa di disagio. Accanto allo studio tecnico vorremo però allargare il progetto di monitoraggio con un questionario a campione da diffondere alle famiglie interessate che ci permetta di fare ancora più chiarezza sul problema. L’area di studio non sarà soltanto quella del Lago di Porta ma anche le fonti di immissione al lago e le zone confine».

ore: 16:01 | 

comments powered by Disqus