Al Sindaco di Massa

Dott. Alessandro VOLPI

P.c. al Presidente della Provincia

Gianni LORENZETTI

Egregio,
con la presente sono a chiedere delucidazioni in merito al progetto InSerTo (INtegrazione nei/dei SERvizi
Toscani), il quale ha come capofila la Regione Toscana, in partenariato con la Società della Salute Zona
Pisana, il Comune di Prato ed il Comune di Firenze.
In particolare, la Società della Salute Zona Pisana ha il compito di lavorare per sostenere una maggiore
integrazione tra servizi del lavoro e delle politiche sociali nei territori delle Province di Massa Carrara,
Livorno e Grosseto.
L’ obiettivo del progetto è di facilitare e qualificare i percorsi di integrazione dei cittadini stranieri,
favorendo su tutto il territorio regionale lo sviluppo o il perfezionamento di un sistema integrato di servizi
territoriali, con particolare riferimento ai servizi sociali ed ai servizi per l’orientamento, la formazione ed il
lavoro. Fondamentale è la sperimentazione dell’equipe multi professionale per la presa incarico integrata
del bisogno lavorativo degli immigrati.
Per il territorio della nostra Provincia è stato scelto il Comune di Massa come sede per la sperimentazione.
Per quanto sopra descritto, considerando che il Comune di Massa e , di conseguenza, la Provincia di Massa
Carrara, siano molto generosi con l’attuazione di progetti per accogliere ed integrare gli immigrati,
CHIEDO
– perché sempre e solo gli immigrati?
– perché non attuano progetti di integrazione, formazione e lavoro per i cittadini massesi, che vivono in
situazione di depressione economica profonda, e che hanno bisogno di sostentamenti ed aiuti economicosociali
per ritornare a vivere con dignità?
Rimango in attesa di una Sua pronta risposta in merito.
Cordialmente,
Manuela ANGELI
FORZA ITALIA