ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

giovedì, 20 luglio, 2017

https://www.antenna3.tv/2017/07/20/montignoso-democratica-chiede-il-referendum-popolare-sulla-discarica/

Mediavideo Antenna3

Montignoso Democratica chiede il Referendum popolare sulla discarica

di  Redazione web

L’impegno e l’attenzione di Montignoso Democratica sulla situazione della discarica di Cava Fornace, rimangono alti. In questi mesi abbiamo chiesto ufficialmente all’Amministrazione Comunale di destinare una parte dei proventi delle royalties incassate, sempre con enormi ritardi, dai gestori della discarica, per finanziare una serie di controlli aggiuntivi a sorpresa, da effettuare a cura di aziende specializzate, per tenere monitorata la situazione. Crediamo che sia indispensabile garantire ai nostri cittadini la massima sicurezza e tutela per la loro salute. Ci sono pochi controlli sulla gestione della discarica e i risultati presentano alcuni punti poco chiari e preoccupanti. Fino al momento della chiusura della discarica, l’attività dei gestori va controllata attentamente e costantemente da parte di aziende terze abilitate, incaricate dalla Commissione di Controllo su Cava Fornace. In realtà davamo per scontato che la necessità di effettuare controlli più puntuali fosse un’esigenza in primis del Sindaco, che è il soggetto cui compete istituzionalmente la garanzia della salute dei cittadini, e poi della maggioranza, ma di fronte alla imbarazzante inerzia di questa amministrazione comunale siamo stati costretti a prendere l’iniziativa in maniera netta e decisa.L’obiettivo però rimane la chiusura, che è l’unica soluzione compatibile con la natura del sito e la sua fragilità. La cosa clamorosa è l’impotenza dei cittadini di fronte a tutto questo, sopra la testa dei montignosini sono state e vengono prese decisioni fondamentali che rischiano di avere pesanti conseguenze sulla loro qualità della vita e sulla loro salute. Siamo convinti che si debba restituire voce ai cittadini e lo strumento migliore è quello di un referendum. In queste settimane promuoveremo una serie di incontri con le altre forze di opposizione, il comitato di cittadini e tutti i soggetti interessati, per elaborare dei quesiti chiari su cui chiedere ai nostri concittadini di esprimersi in maniera definitiva. Non è più possibile per la politica continuare a nascondersi dietro catene di responsabilità e di competenze, l’Amministrazione comunale non può essere un soggetto passivo su questo tema, ma deve avere una posizione chiara e fare tutto quello che è nelle proprie possibilità per far terminare quanto prima l’attività della discarica.

ore: 16:55 | 

comments powered by Disqus