ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

mercoledì, 14 ottobre, 2015

https://www.antenna3.tv/2015/10/14/rischio-alluvioni-fratoni-un-nuovo-piano-per-gestire-insieme-eventi-meteo-avversi/

Mediavideo Antenna3

Rischio alluvioni, Fratoni: “Un nuovo Piano per gestire insieme eventi meteo avversi”

di  Redazione web

Mattinata di lavori, nella sede della Presidenza della Regione, sul PGRA, il nuovo Piano di Gestione del Rischio Alluvioni che, oltre a individuare le aree pericolose e a rischio idraulico, vuole ridurre le conseguenze negative provocate dalle alluvioni.

L’assessore all’ambiente e difesa del suolo Federica Fratoni, insieme al segretario generale dell’Autorità di Bacino dell’Arno Gaia Checcucci, hanno ascoltato le osservazioni, le proposte ed i suggerimenti da parte dei Comuni e degli Enti competenti riguardo al Piano che sarà approvato entro il mese di dicembre. Il PGRA va a sostituire, semplificando, gli attuali Piani di Assetto Idrogeologico (PAI) dei Bacino dell’Arno, Bacini Toscana Nord, Toscana Costa e Ombrone come previsto dalla Direttiva 2007/60/CE.

“Con il Piano per la gestione del rischio alluvioni la Toscana va a dotarsi di uno strumento essenziale per affrontare con più efficacia gli eventi meteo avversi, che negli ultimi anni sono sempre più frequenti e dannosi”, ha sottolineato l’assessore all’ambiente e difesa del suolo, Federica Fratoni. “La giornata di oggi rappresenta un momento partecipativo importante, che abbiamo intenzione di ripetere sul territorio, per sviluppare la conoscenza, il coinvolgimento e la condivisione da parte di tutti i soggetti interessati”.

La cosiddetta Direttiva Alluvioni ha come obbiettivo la riduzione del rischio idraulico attraverso tre principali strumenti: la prevenzione, ovvero la disciplina di uso del territorio; la protezione, ovvero l’individuazione degli interventi per la mitigazione del rischio; la preparazione, ovvero la gestione dell’emergenza sia in termini di attività di protezione civile che di informazione alla popolazione.

ore: 15:42 | 

comments powered by Disqus