ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

sabato, 2 maggio, 2015

https://www.antenna3.tv/2015/05/02/coltellata-a-marina-di-massa-si-costituisce-il-feritore/

Mediavideo Antenna3

Coltellata a Marina di Massa, si costituisce il feritore

di  Redazione web

carabinieri vgI carabinieri erano ormai sulle sue tracce: nonostante la reticenza di molti testimoni o persone presumibilmente informate sui fatti, lo avevano ormai individuati. Lui, comunque, si è presentato di sua volontà alla caserma Plava, affermando di essere l’autore del ferimento del quarantenne avvenuto nel pomeriggio di giovedì 30 aprile a Marina. Si tratta di un giovane di 28 anni, massese, di cui i militari hanno fornito soltanto le iniziali: D.P. Il giovane, che si è presentato ai carabinieri accompagnato da un avvocato del foro di Milano, non è stato arrestato, ma denunciato a piede libero.

Da quanto emerge dalle indagini dei carabinieri, l’episodio non pare legato a “giri” di sostanze stupefacenti e neppure alla “faida” tra bande che tanta apprensione sta generando in città. Piuttosto, si tende a inquadrare la lite finita nel sangue a una questione di vecchie ruggini personali. Di certo, l’attività dei carabinieri ha incontrato parecchi muri: silenzi, dichiarazioni parziali, reticenze da parte di chi, probabilmente, poteva e può aiutare a fare chiarezza sull’episodio.

Il quarantenne ferito all’addome, intanto, sta meglio, anche se resta ricoverato in osservazione.

 

 

il tirreno

ore: 12:05 | 

comments powered by Disqus