ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

martedì, 22 ottobre, 2013

https://www.antenna3.tv/2013/10/22/lavoro-simoncini-reddito-garantito-e-utilizzo-dei-cassaintegrati-in-deroga/

Mediavideo Antenna3

Lavoro, Simoncini: “Reddito garantito e utilizzo dei cassaintegrati in deroga”

di  Redazione web

simoncini gianfranco-La criticità della situazione relativa alla disponibilità di risorse per il finanziamento della cassa integrazione in deroga va affrontata dal governo, senza esitazioni. Perché non utilizzare le risorse dei PON (Progetti Operativi Nazionali, ndr) previsti per il Fondo Sociale Europeo nella nuova programmazione 2014-20 per finanziare gli ammortizzatori in deroga ed impiegare i cassintegrati in attività socialmente utili?”. L’assessore al lavoro Gianfranco Simoncini lancia l’ennesimo appello al governo dalla sede fiorentina della UIL Toscana, intervenendo stamattina ad un convegno dal titolo ‘Ammortizzatori sociali: oggi, domani?’.

Simoncini ribadisce concetti già espressi pochi giorni fa, commentando i dati diffusi dall’Osservatorio regionale sul mercato del lavoro che, nel mese di settembre, evidenziano una crescita della cassa integrazione in Toscana: +17% rispetto ad un anno fa. “Il governo deve rendersi conto – aggiunge Simoncini – che le risorse per arrivare a fine anno non ci sono. Perché i 500 milioni deliberati e stanziati ancora non sono arrivati? Alla Toscana ne toccherebbero 33 ed anche se dovessero arrivare potremmo coprire fino a giugno, resterebbero scoperti 6 mesi. Non mi stanco di ripeterlo: il sistema attuale non può reggere, occorre pensare ad una riforma definitiva e tornare ad un sistema universalistico che non gravi sul sistema economico, sul bilancio dello Stato e soprattutto sui diritti di lavoratori e lavoratrici”.

Infine una proposta. “Una risposta al finanziamento della cassa in deroga per i prossimi anni – conclude Simoncini – potrebbe avvenire ripensando all’esperienza dei quattro anni passati, utilizzando i PON del Fondo Sociale Europeo, che per la prima volta ci saranno anche nelle regioni del Centro nord. In questo modo si garantirebbe una certezza di integrazione del loro reddito ed allo stesso tempo si otterrebbe un contributo a livello sociale. Su questa ipotesi ci confronteremo con il governo”.

ore: 14:52 | 

comments powered by Disqus