Da diciotto sono diventati 19 gli sfollati di Albiano Magra, il paesino nel comune di Aulla in Lunigiana dove domenica pomeriggio è crollato un muro di contenimento, alto otto metri, nel centro del paese. Ieri erano state evacuate cinque abitazioni; nel pomeriggio è stato interdetto l’accesso ad altri tre edifici del centro storico. Solo uno però era abitato: da un residente. Le altre sono case utilizzate durante le vacanze. Il motivo dello sgombero riguarda un antico fabbricato, non abitato,  che le piogge e  le infiltrazioni d’acqua hanno reso pericolante. C’è una parete oramai tutta spanciata e i tecnici del Genio Civile, assieme al Comune, hanno deciso di chiudere la strada su cui si affaccia, con il divieto di accesso conseguente nelle tre case che sorgono nella via. La zona sarà presidiata per tutta la notte dai volontari della Croce Rossa, che hanno montato una tenda nel paese. 

Sempre ad Aulla si registra un’altra frana nella frazione montana di Caprigliola. Una massa di terra si è staccata da un pendio ed è scivolata lungo la strada. Cinque famiglie che abitano in via Serra sono così isolate, costrette a percorrere trecento metri di sentiero a piedi per raggiungere casa.