Estorceva denaro all’ex amante minacciando di rivelare la loro lunga storia alla moglie; una relazione clandestina durata addirittura 10 anni, poi l’uomo, residente a Massarosa, aveva deciso di troncare la relazione e tornare fedelmente dalla sua famiglia. Da quel momento è diventato vittima delle pretese di denaro dell’amante abbandonata e che, in qualche modo, voleva essere risarcita e restare legata a lui. Inizialmente ha pagato 400 euro di fronte al pericolo che la decennale relazione venisse alla luce davanti ai familiari ed, in particolare, alla moglie. Ma le richieste delle donna carrarese non si sono fermate e la seconda volta ha preteso un pagamento di 2.000 euro in contanti. Una volta capito che sarebbe stato impossibile uscire dal tunnel di estorsioni della ex-amante, l’uomo ha sporto denuncia ai Carabinieri di Massarosa raccontando tutti i particolari della storia. Immediati i contatti tra i reparti territoriali dell’Arma ed i militari della Compagnia Carabinieri di Carrara, che, in abiti civili, hanno presidiato a Marina di Carrara il luogo deciso per lo scambio dei soldi, in Marina di Carrara. Non appena avvenuta la cessione di denaro da parte dell’uomo, l’ex amante è stata arrestata assieme ad un’amica complice con l’accusa di estorsione in flagranza: 42 anni e 45 anni, entrambe casalinghe residenti a Carrara. Il Pubblico Ministero Federico Manotti ha disposto la custodia cautelare nelle carceri di Pisa e Livorno.