“Porto turistico: un’occasione di rilancio per l’intera provincia di Massa Carrara, a patto che risponda ai requisiti di tutela ambientale – in particolare l’erosione e la difesa delle aree verdi di pineta – e di equilibrata crescita urbanistica.” Sono le parole dell’onorevole Fabio Evangelisti, coordinatore provinciale dell’Italia dei Valori, che dichiara: “Il porto turistico può rappresentare un’opportunità di sviluppo per l’intera provincia: la nautica è, infatti, una delle realtà più consolidate del territorio apuano e merita di essere valorizzata, ma prima di ogni valutazione economica sono necessarie garanzie di carattere ambientale”. “A sostenere questa tesi, continua Evangelisti, anche Legambiente, Italia Nostra Toscana, Associazione Nazionale Approdi Turistici, Associazione Balneari, Wwf, Assonautica, Agepark, Amare Marina e tutte quelle associazioni e quei cittadini che ieri sono intervenuti al Convegno organizzato dall’Italia dei Valori per discutere del cosiddetto “porticciolo” di Carrara”.  Bocciata, dunque, l’ipotesi del Gruppo Caltagirone, poiché creerebbe un danno ambientale irreversibile e un effetto disastroso sui già difficili equilibri costieri di Marina.