ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

ore:  15:04 | allerta di colore Giallo per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Martedì, 09 Giugno alle ore 23.59 Mercoledì, 10 Giugno 2020

venerdì, 19 giugno, 2020

http://www.antenna3.tv/2020/06/19/marcheschi-fdi-la-regione-preveda-un-rimborso-di-mancato-guadagno-almeno-mille-euro-al-mese-per-i-commercianti-della-zona-del-ponte-di-avenza-interessato-dal-cantiere/

Mediavideo Antenna3

MARCHESCHI (FdI) “La Regione preveda un rimborso di mancato guadagno, almeno mille euro al mese, per i commercianti della zona del ponte di Avenza interessato dal cantiere”

di  Redazione web

Intervento del Consigliere regionale Paolo Marcheschi (Fdi) che nei giorni scorsi aveva scritto alla Giunta regionale per bloccare i lavori proponendo soluzioni alternative all’abbattimento e ricostruzione del ponte.
“Vista l’ostinazione dell’assessore regionale Fratoni e del Comune di Carrara a non voler percorrere altre soluzioni che non penalizzino l’economia del territorio già messo in ginocchio dall’emergenza-Covid, chiediamo, se partono adesso in piena stagione estiva i lavori al ponte di Avenza, che la Regione si faccia carico di prevedere per i mesi di durata del cantiere un rimborso di mancato guadagno, almeno mille euro al mese, per i commercianti della zona del ponte” dichiara il Consigliere regionale Paolo Marcheschi.
Il Consigliere Marcheschi aveva scritto all’assessore regionale per bloccare l’abbattimento del ponte e proporre soluzioni alternative. Posticipare i lavori, anche a gennaio/febbraio, e nel frattempo compiere opere di ripulitura del letto del fiume per evitare che le piene provochino allagamenti. Invece dell’abbattimento e ricostruzione del ponte, si potrebbe operare l’abbassamento dell’alveo del fiume, che non comporterebbe un’interruzione della circolazione e non arrecherebbe danni al tessuto commerciale e produttivo di Avenza. Tale progetto è già stato attuato, con risultati positivi, a Carrara in zona Conad. La Regione potrebbe mettere fondi aggiuntivi per l’avvio dei lavori a settembre e la conclusione dei lavori dopo 3 mesi e non dopo i 6 previsti, lavori che ovviamente costerebbero di più ma sarebbero coperti da misure aggiuntive.
Il Consigliere, lo scorso 30 maggio, insieme a Lorenzo Baruzzo, Coordinatore comunale di Carrara di Fratelli d’Italia, ed Emanuela Busetto, Coordinatrice della Lunigiana per Fdi, aveva effettuato un sopralluogo al ponte.

ore: 12:10 | 

comments powered by Disqus