ore:  12:04 | allerta colore giallo per rischio idrogeologico e temporali forti dalle ore 06.00 Venerdì, 24 Luglio 2020 alle ore 20.00 Venerdì, 24 Luglio 2020

ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

giovedì, 12 marzo, 2020

http://www.antenna3.tv/2020/03/12/coronavirus-mascherine-e-dotazioni-sicurezza-introvabili-gli-artigiani-apuani-non-possono-lavorare/

Mediavideo Antenna3

CORONAVIRUS: MASCHERINE E DOTAZIONI SICUREZZA INTROVABILI, GLI ARTIGIANI APUANI NON POSSONO LAVORARE

di  Redazione web

“Il Governo ci chiede di lavorare, di non fermare la locomotiva paese, gli artigiani, le piccole imprese, le fabbriche, ma mascherine filtranti, guanti e dotazioni di sicurezza personali a norma di legge sono introvabili. Gli imprenditori vorrebbero fare la loro parte ma a condizioni che sia garantita la possibilità di garantire le prescrizioni previste dal decreto”: così Paolo Bedini, Presidente Cna Massa Carrara torna a parlare, ad alcuni giorni dalla pubblicazione dell’indagine sugli effetti dell’emergenza sanitaria (quasi 3 imprese su 4 accusano ricadute negative), emergenza destinata ad aggravare una situazione già molto complicata. “Noi ci siamo, siamo pronti ad obbedire al Governo, a lavorare, a non fermare i cantieri, il mondo produttivo – spiega – ma dobbiamo essere messi in condizioni di poter svolgere il nostro quotidiano lavoro in completa sicurezza. Le mascherine sono introvabili così come i guanti ed i gel igienizzanti che prima di ogni altro settore devono essere assicurati a quello sanitario, ai nostri Ospedali, ai nostri medici, infermieri e volontari. Ad oggi non siamo in grado di obbedire al decreto e questo rischia di indurre le aziende impossibilitate a rispettare decreti e ordinanze a chiusura forzata”.

Cna chiede anche controlli sulle forniture e sui prezzi: “purtroppo – spiega ancora – c’è chi si sta approfittando di questa situazione. Chiediamo alle forze dell’ordine di vigilare. I prezzi di gel, mascherine e dotazioni personali sono schizzati alle stelle quando sono disponibili con un ricarico anche del 1000%. Servono più controlli anche in questo senso”. Cna conclude chiedendo agli organi competenti che “siano prioritariamente destinati alle imprese del settore i prossimi rifornimenti di mascherine e guanti considerata anche l’importanza primaria che molti comparti del settore artigianato svolgono nei confronti dei bisogni primari dei cittadini”.

ore: 15:46 | 

comments powered by Disqus