ore:  15:42 | Codice giallo per vento e neve esteso fino a domani, venerdì 27 marzo

ore:  17:26 | Codice giallo fino a tutto domani, giovedì 26 marzo per neve e vento forte

ore:  14:23 | Codice giallo su tutta la Toscana martedì 24 e mercoledì 25 marzo per vento, ghiaccio e neve

ore:  15:02 | Codice giallo, martedì 24, per neve a bassa quota, rischio ghiaccio e ancora vento

ore:  15:05 | Maltempo, codice giallo per vento su tutta la Toscana dal pomeriggio di oggi, domenica

venerdì, 14 giugno, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/06/14/stefano-baruzzo-fascismi-di-provincia-pontremoli-e-lalta-lunigiana-1919-1925-sabato-15-giugno-alle-ore-17-30-a-massa-libreria-libri-in-armonia-con-lautore-dialoghera-il-pr/

Mediavideo Antenna3

Stefano Baruzzo “Fascismi di provincia. Pontremoli e l’Alta Lunigiana (1919-1925).” Sabato 15 giugno, alle ore 17.30, a Massa, libreria Libri in Armonia.Con l’autore dialogherà il prof. Giuseppe Benelli.

di  Redazione web

Sabato 15 giugno, alle ore 17.30, a Massa, presso la libreria Libri in Armonia, in via Pacinotti 16, sarà presentato il libro di Stefano Baruzzo Fascismi di provincia. Pontremoli e l’Alta Lunigiana (1919-1925). La presentazione del libro sarà occasione per soffermarsi sulle origini del fascismo a Massa e Carrara. Con l’autore dialogherà il prof. Giuseppe Benelli.

Il primo fascio di combattimento della provincia di Massa Carrara sorse nel novembre del 1920 a Pontremoli. A Massa e a Carrara i fasci apparvero nel maggio dell’anno successivo, in occasione delle elezioni politiche.

L’ascesa del fascio carrarese fu rapida e violenta, fino a raggiungere nel giro di un anno una posizione incontrastata nella sua città e di guida del fascismo apuano con il suo ras Renato Ricci.

Il fascio massese divenne un protagonista della politica locale dopo le giornate di giugno 1921 a Massa, ma la sua posizione rimase a lungo instabile, nonostante la vittoria alle elezioni comunali del 1° ottobre 1922, prima della marcia su Roma (a Massa si insediò la prima amministrazione fascista d’Italia).

La “marcia su Pontremoli” del fascio locale, nonostante la primogenitura nel fascismo apuano, fu più lunga e dovette fronteggiare il partito popolare, un avversario relativamente nuovo ma ben radicato in una terra di lunga e salda tradizione cattolica.

 

ore: 16:20 | 

comments powered by Disqus