ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

lunedì, 14 novembre, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/11/14/pedopornografia-cinque-persone-arrestate-in-flagranza-e-trenta-denunciate-anche-un-bagnino-di-massa-carrara/

Mediavideo Antenna3

Pedopornografia, cinque persone arrestate in flagranza e trenta denunciate. Anche un bagnino di Massa Carrara

di  Redazione web

Trovati con video pedopornografici. Cinque uomini sono stati arrestati dalla polizia postale della Toscana, (che al momento non ha fornito le generalità) altri 30 sono denunciati. Tra loro un operaio di Certaldo di 50 anni e un bagnino di Massa. Gli indagati sono 44 in Italia e altri 120 tra Europa e America. La polizia postale ha sequestrato diecimila video. In alcuni filmati compaiono anche bambini di cinque anni. L’inchiesta è stata avviata un anno fa dalla denuncia di una persona di  Livorno che dopo aver scaricato un file musicale pirata tramite un sito web, si era ritrovato invece un video pedopornografico.

Le perquisizioni sono avvenute in Veneto, in Lombardia, in Toscana, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Umbria, Lazio, Puglia e Sicilia. In Toscana sono scattate due perquisizioni ad Arezzo che hanno permesso di arrestare un disoccupato di 40 anni.

Tra loro, si registrano 3 disoccupati tra i 40 e i 53 anni, 5 operai tra i 34 e i 65 anni, 6 commercianti tra i 32 e i 53 anni, 2 chimici rispettivamente di 61 e 62 anni, 2 artigiani rispettivamente di 45 e 56 anni, 4 pensionati tra i 73 e i 41 anni – quest’ultimo invalido civile – 1 operatore call center di 44 anni, 1 addetto alla ristorazione di 27 anni, 1 addetto al noleggio di auto di 36 anni, 1 metalmeccanico di 48 anni, 1 addetto al settore agricolo di 39 anni, 1 panettiere di 50 anni, 1 litografo di 41 anni, 1 cassiere di 41 anni, 1 meccanico di 37 anni, 1 portiere d’albergo di 41 anni, 1 responsabile di sistemi informativi di 40 anni, 1 magazziniere di 50 anni, 1 addetto al settore alberghiero di 42 anni, residenti tra le regioni Toscana, Lombardia, Veneto, Trentino Alto-Adige, Emilia-Romagna, Umbria, Lazio, Puglia e Sicilia.

e sequenze riguardanti gli abusi sessuali sui minori contenuti nei files di immagini e video, saranno caricate sul database dell’Interpol denominato International Child Sexual Exploitation, nel tentativo di arrivare all’identificazione dei minori abusati e di acquisire elementi su possibili altri responsabili degli abusi.

il tirreno

ore: 15:42 | 

comments powered by Disqus