ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

lunedì, 4 aprile, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/04/04/sabato-9-aprile-2016-alle-ore-11-presso-listituto-don-milani-di-marina-di-massa-lauditorium-della-scuola-sara-intitolato-a-maria-minuto-fondatrice-e-preside-della-scuola-dal-1974-a/

Mediavideo Antenna3

Sabato 9 aprile 2016 alle ore 11 presso l’Istituto Don Milani di Marina di Massa, l’auditorium della scuola sarà intitolato a Maria Minuto, fondatrice e preside della scuola dal 1974 al 1992

di  Redazione web

Sabato 9 aprile 2016 alle ore 11 presso l’Istituto Comprensivo Don Lorenzo Milani di Marina di Massa, con l’intervento di autorità ed insegnanti, l’auditorium della scuola sarà intitolato a Maria Minuto, fondatrice e preside della scuola ininterrottamente dal 1974 al 1992.

L’iniziativa presa di concerto tra l’Amministrazione Comunale, la scuola e gli insegnanti rende finalmente omaggio alla professoressa che fece propria la causa dei ragazzi esclusi, selezionati e buttati via e a tale missione dedicò tutta la vita.

Fu la prima preside a sperimentare una scuola che non parlava di bocciature, né di giudizi standardizzati, bensì di una valutazione che tenesse conto del ritmo personale di apprendimento, delle peculiarità psicologiche, delle condizioni economiche, dell’ambiente culturale e familiare.

Fedele a questi principi, restò sempre dalla parte degli alunni, di cui si interessava personalmente e di cui continuava a seguire le vicende anche dopo che avevano lasciato la scuola.

Contribuì a sprovincializzare la cultura massese, innestandovi elementi di apertura e innovazione che superarono i confini comunali e si proposero come modello per altre scuole.

La fede nei valori umani la indusse a spendersi anche in altri ambiti d’impegno; scelse l’Università della terza età, di cui era stata anche socia fondatrice, e il carcere, dove operò per anni come preside prima e come volontaria poi.

ore: 16:19 | 

comments powered by Disqus