ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

giovedì, 29 ottobre, 2020

https://www.antenna3.tv/2020/10/29/ci-sono-serrande-che-si-abbassano-nel-silenzio-con-lultimo-dpcm-chiudono-i-circoli-ricreativi-lallarme-del-direttore-di-confartigianato-massa-carrara-gabriele/

Mediavideo Antenna3

“CI SONO SERRANDE CHE SI ABBASSANO NEL SILENZIO. CON L’ULTIMO DPCM CHIUDONO I CIRCOLI RICREATIVI” L’allarme del direttore di Confartigianato Massa Carrara, Gabriele Mascardi: “Serve un intervento mirato del Governo per salvare un settore fondamentale per il paese”

di  Redazione web

Ci sono serrande che si abbassano senza fare rumore. Attività che danno lavoro a migliaia di famiglie in tutto il paese e che, per effetto del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 ottobre, saranno costrette a chiudere per un mese.

Sono i circoli ricreativi: un settore che ora è fortemente a rischio, nel silenzio generale. Ad accendere un faro su queste attività è il direttore di Confartigianato Massa Carrara, Gabriele Mascardi: “Siamo al fianco dei centri culturali, sociali e ricreativi, che, per effetto del Dpcm 24 ottobre, con i chiarimenti della circolare 15350 diramata dal Ministero dell’interno, dovranno di fatto star chiusi fino al 24 novembre – sottolinea Mascardi -.

La nostra associazione esprime il proprio disappunto per la totale restrizione introdotta dal recente provvedimento che colpisce duramente le associazioni culturali e i circoli che, al pari di altre attività economiche, hanno dapprima subito gli effetti del lockdown e poi si sono attivati con investimenti di tempo e denaro per riaprire e mettere in sicurezza le loro sedi.

Pensiamo ad esempio a tutti quei circoli che effettuano somministrazione di alimenti e bevande a beneficio dei soci o di frequentatori occasionali e che ora vedono ora vanificati i loro sforzi. Pur confermando la piena solidarietà al Governo per l’impegno profuso a garanzia del diritto alla salute, le misure contenute nel nuovo Dpcm appaiono estremamente vessatorie per le migliaia di circoli culturali.

Pertanto – conclude Mascardi -, per scongiurare una chiusura definitiva, chiediamo un intervento mirato del Governo per salvaguardare un settore che, prima ancora che per l’economia, è di fondamentale importanza per la cultura, la coesione sociale e il volontariato.

Aspetti  imprescindibili per la ripartenza del nostro Paese”.

ore: 10:22 | 

comments powered by Disqus