ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

sabato, 14 marzo, 2020

https://www.antenna3.tv/2020/03/14/coronavirus-sono-164-le-confezioni-di-farmaco-tocilizumab-richieste-dagli-ospedali-toscani/

Mediavideo Antenna3

Coronavirus: sono 164 le confezioni di farmaco Tocilizumab richieste dagli ospedali toscani

di  Redazione web

Da giovedì scorso sono iniziate le richieste del farmaco Tocilizumab per trattare pazienti gravi affetti da Covid-19. Come si ricorderà, il produttore Roche aveva nei giorni scorsi dichiarato la propria disponibilità a fornire gratuitamente il farmaco alle Regioni italiane e questa offerta era stata accettata anche dalla Toscana.

Le confezioni richieste in Toscana sono al momento 164 e i casi autorizzati all’impiego sono i 61 seguenti: Ospedale San Donato (Arezzo) 7; Ospedale San Luca (Lucca) 5; Spedali Riuniti Livorno 5; AOU Careggi 13; Aou Pisa 12; Ospedale di Grosseto 2; Ospedale di Empoli 10; AOU Siena 7.
La procedura definita con il produttore prevede un contatto diretto tra il clinico richiedente e la Direzione medica dell’industria per definire le modalità di impiego sulla base dei parametri clinici del singolo paziente.

Si tratta, come noto, di un farmaco che è ad oggi autorizzato per la cura dell’artrite reumatoide e trova impiego in ambito oncologico. Occorre quindi ribadire l’impiego a livello compassionevole del farmaco dato il livello attuale delle conoscenze sulla reale utilità in questa patologia infettiva.

ore: 18:31 | 

comments powered by Disqus