Due colpi, a poche ore di distanza. Uno a Caniparola e l’altro a Cinquale. Un bottino di oltre 100mila euro.

L’allarme è scattato all’una di notte  di venerdì . Alla centrale dei carabinieri che controlla gli uffici postali risultava una telecamera oscurata. Le macchine dei militari dell’Arma si sono dirette verso l’ufficio di Caniparola, nel comune di Fosdinovo, ma, nel frattempo, i banditi avevano fatto esplodere lo sportello per i prelievi del denaro in contante e si erano allontanati con le cassette piene di soldi. Le stanze dell’ufficio postale erano ancora piene di fumo.

Ancora difficile quantificare quanto è stato portato via, ma di sicuro si trattava del denaro che serviva per il weekend.

Accanto all’ufficio postale è stata trovata una Cinquecento rubata a poche centinaia di metri e che molto probabilmente potrebbe essere stata utilizzata come contatto per fare esplodere la carica esplosiva.

Dalle prime ricostruzioni è emerso che ad agire sarebbero stati alcuni banditi incappucciati.Gli stessi che hanno poi colpito alla filiale della Carige di Cinquale facendo esplodere il bancomat:  il bottino qui è stato di 60mila euro