ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

giovedì, 9 agosto, 2018

https://www.antenna3.tv/2018/08/09/la-situazione-allinterno-dei-depuratori-e-emergenziale-non-fa-troppi-giri-di-parole-il-consigliere-comunale-del-m5s-di-massa-paolo-menchini/

Mediavideo Antenna3

“La situazione all’interno dei depuratori è emergenziale”, non fa troppi giri di parole il consigliere comunale del M5S di Massa, Paolo Menchini

di  Redazione web

“La situazione all’interno dei depuratori è emergenziale”, non fa troppi giri di parole il consigliere comunale del M5S di Massa, Paolo Menchini, “martedì scorso siamo stati chiamati da alcuni residenti di via Lavello, alla Partaccia, per verificare di persona quanto stava succedendo: l’aria era pervasa di un odore nauseabondo, ovviamente di scarico fognario, e oltretutto lo stato dei canali Lavello e Bozzone era pietoso, un velo verde ricopriva la superficie dell’acqua e pareva che galleggiassero pesci morti ed escrementi”.
Per quanto riguarda la puzza, questa volta non sembra imputabile a malfunzionamenti del depuratore – per la precisione abbiamo visitato il depuratore Lavello 1 – ma viceversa l’ente gestore ci ha informato che è costretto ad accatastare i fanghi di depurazione all’interno di alcune vasche dello stesso impianto in quanto, con una sentenza del TAR Lombardia dello scorso 20 luglio, non è più possibile conferirli in agricoltura”.
“Ci siamo letti la sentenza, che altro non fa che allineare le concentrazioni massime di idrocarburi presenti nei fanghi a quelle del resto d’Italia – di per se potrebbe quindi sembrare una sentenza di buon senso – ma il dato di fatto è che lo smaltimento dei fanghi ora può essere fatto solo in poche discariche autorizzate e rispettando determinate prescrizioni; tradotto in pratica i fanghi di depurazione potrebbero stare anche 15 giorni nei vasconi all’interno del depuratore prima di poter essere conferiti in discarica.
La situazione ci sembra quindi decisamente emergenziale, sia per gli abitanti che vivono nelle vicinanze del depuratore ma anche per i turisti che frequentano spiagge limitrofe. Per questo motivo presenteremo un’interrogazione urgente al Sindaco direttamente nel consiglio comunale di lunedì 13” conclude Paolo Menchini.

ore: 17:55 | 

comments powered by Disqus