ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

giovedì, 5 gennaio, 2017

https://www.antenna3.tv/2017/01/05/inaugurazione-diorma-divina-di-alessandro-giorgi-a-s-sebastiano-a-massa-presente-il-vescovo-domenica-8-gennaio/

Mediavideo Antenna3

Inaugurazione di“Orma divina” di Alessandro Giorgi, a S. Sebastiano a Massa Presente il vescovo, domenica 8 gennaio

di  Redazione web

Sarà il vescovo, mons. Giovanni Santucci ad inaugurare “Orma divina”,  la scultura che l’artista massese Alessandro Giorgi ha realizzato e donato alla chiesa di San Sebastiano. L’opera raffigura la resurrezione di Cristo e in particolare l’orma impressa nel telo della sindone, è stata realizzata dai laboratori di scultura Monfroni di Codena, dalle dimensioni 2,50×1,50 per un’altezza di 0,80; è stata donata dalla società Robson srl e verrà  installata su una base di marmo all’ingresso della chiesa.

giorgi-orma-divinaL’inaugurazione è in programma per domenica 8 gennaio alle ore 15.30, quando saranno presenti il parroco di San Sebastiano don Daniele Ferrari e don Luca Franceschini, direttore dell’Ufficio diocesano per i Beni Culturali, nonché incaricato regionale per questo settore.

“La Risurrezione di Cristo”, come ha dichiarato don Daniele, “non ha avuto testimoni. L’unico segno lasciato è un lenzuolo. Alessandro Giorgi ha voluto così fissare quel momento affidando la testimonianza dell’evento a un velo di marmo con orma umana che sembra scivolare via dalla pietra del sepolcro a testimonianza di una fede che deve essere sempre rinnovata”.

Don Luca Franceschini ha invece commentato l’opera: ”Per Gesù il sepolcro non è il luogo della morte, ma della resurrezione. Nel telo della sindone resta l’impronta della sua sofferenza, della sua Croce accolta per amore perché avessimo la vita.”

 

L’iniziativa, acconsentita dal Vescovo, esprime l’interesse di mons. Santucci relativamente all’arte contemporanea e al rapporto con gli artisti. Sono state numerose infatti occasioni di collaborazione create con l’Accademia di Belle Arti di Carrara con incontri, mostre, cataloghi, nonché con le “Via Crucis” che ogni anno al Castello Malaspina di Massa hanno visto protagonisti proprio gli artisti contemporanei nelle varie espressioni del teatro, della poesia, della pittura.  Inoltre la “Via Crucis” nel 2017 avrà come tema la scultura ed è già iniziato un lavoro di collaborazione ancora con gli studenti artisti di scultura dell’Accademia di Belle Arti.

ore: 13:16 | 

comments powered by Disqus