ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

giovedì, 5 gennaio, 2017

https://www.antenna3.tv/2017/01/05/cadavere-sul-sagro-ipotesi-omicidio-piu-forte-lassassino-e-un-apuano/

Mediavideo Antenna3

Cadavere sul Sagro, ipotesi omicidio più forte: l’assassino è un apuano?

di  Redazione web

Il giallo del cadavere senza testa appassiona. Perché è un caso intricato, una matassa che sembra impossibile sbrogliare. E per questo le indagini sono ad ampio raggio, anche se è l’aspetto locale che al momento accende di più l’attenzione degli inquirenti: perché quell’uomo è venuto sul Sagro? Domanda la cui risposta è fondamentale in caso di omicidio, perché se c’è un assassino con tutta probabilità si nasconde nella provincia apuana. Ed è per questo che la squadra mobile si sta concentrando su alcuni elementi che ha trovato nelle tasche di quel corpo mutilato scoperto dopo mesi in un dirupo sotto la Casa dei Pisani.

Gli inquirenti da quegli elementi – per ora coperti da segreto – sperano di risalire a una sorta di percorso compiuto tra Massa e Carrara dall’uomo con le Converse. Prima di tutto capire quando è arrivato nella nostra provincia, giusto per far risalire il decesso a una data più o meno precisa. Eppoi scoprire perché proprio il sentiero 38. Questo punto è molto importante secondo la squadra mobile perché non si tratta di un sentiero molto battuto il 38, quello che collega Colonnata a Vinca. A parte i primi chilometri in piano, poi è decisamente difficile e se si lascia l’auto in uno dei due borghi pensando di tornare indietro per coprire l’intero tragitto si impiegano almeno otto ore. Una faticaccia non proprio alla portata di tutti, ci vuole gente allenata e che abbia un po’ di dimestichezza con le alte quote. E uno così non mette le sneaker anche se vuole fare il tratto pianeggiante, gli escursioni veri calzano scarponcini anche quando sono in città.

E siamo sempre allo stesso punto, dato che il sentiero 38 è perfetto per un piano che ha come scopo l’eliminazione di qualcuno: è poco battuto, anche d’estate. Allo stesso tempo offre degli scorci che possono attirare anche una persona che si vuole godere il panorama. Ecco che quindi l’eventuale omicida potrebbe aver invitato la vittima a fare una passeggiata in mezzo alla natura per poi colpirlo a tradimento. Magari sulla testa. Che per questo è stata asportata in un secondo tempo, insieme al braccio (forse perché c’era un qualcosa che avrebbe agevolato l’identificazione, come un tatuaggio per esempio). Ed è per questo che sta prendendo campo l’ipotesi che se di delitto si tratta il colpevole è un apuano. Uno che conosce quei posti alla perfezione, che ha studiato il suo piano alla perfezione e lo ha messo in atto con freddezza. Probabilmente in due tempi: prima l’omicidio, poi, dopo aver nascosto il cadavere, lo smembramento e il lancio di quello che restava nel dirupo sotto Casa dei Pisani. Se fosse così il ritrovamento da parte degli speleologi sarebbe la variabile che l’assassino non aveva calcolato. Perché il corpo dal sentiero non poteva essere visto in nessun modo, mentre giovedì mattina gli speleologi si erano calati con le corde in cerca di anfratti e si sono imbattuti in quei poveri resti.

Probabilmente tra qualche mese non si sarebbe trovato più nulla e in caso di reato ci saremmo trovati di fronte a quello che viene definito un delitto perfetto. Lo sarebbe stato, se quel corpo senza testa non avesse deciso di parlare. A modo suo.

Non resta che attendere gli sviluppi dell’inchiesta, soprattutto della pista locale. L’impressione è che non ci vorrà molto tempo, dato che quelle scarpe non sono così usuali. Soprattutto per chi decide di andare a mille metri di altezza a fare una passeggiata. E poi trova la morte.

il tirreno

ore: 13:44 | 

comments powered by Disqus