ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

mercoledì, 14 dicembre, 2016

https://www.antenna3.tv/2016/12/14/mastrini-ass-funzioni-associate-necessario-ripensare-allorganizzazione-della-polizia-municipale-luscita-di-fivizzano-determina-linsensatezza-dellattuale-assetto/

Mediavideo Antenna3

Mastrini (Ass. Funzioni associate): “Necessario ripensare all’organizzazione della Polizia Municipale. L’uscita di Fivizzano determina l’insensatezza dell’attuale assetto”

di  Redazione web

“Nella piena legittimità giovedì sarà ratificata l’uscita di Fivizzano dalla struttura unica di Polizia Municipale: faccio notare che i Comuni più grandi sono fuori dal Comando”.
Così Matteo Mastrini, Assessore alle funzioni associate dell’Unione dei Comuni, riflette sull’assetto dell’Ente: “Mi chiedo dove vogliamo andare, ma non è una critica ai singoli Comuni usciti. La Legge non ammette ignoranza: per raggiungere le premialità occorre associare le funzioni. Secondo i miei calcoli l’Unione ha perso quest’anno circa 1 milione di Euro e non vedo spiragli per raggiungere gli obiettivi fissati dalla Legge Regionale”.
Sulle risorse mancanti: “E’ evidente come si sia sacrificato il bene di tutti per centrare obiettivi individuali: è sbagliato tuttavia che i piccoli Comuni, obbligati ad associare le funzioni, paghino le scelte altrui. Inoltre occorre riqualificare gli assetti del Comando: il personale ha sottoposto alla nostra attenzione esigenze che non possiamo ignorare”

ore: 12:49 | 

comments powered by Disqus