ore:  10:07 | Codice giallo per piogge e temporali su tutta la Toscana il 7 e l’8 giugno

ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

mercoledì, 5 ottobre, 2016

https://www.antenna3.tv/2016/10/05/luana-mencarelli-m5s-due-o-tre-case-della-salute-non-sono-la-soluzione-ai-disagi-della-sanita-del-territorio-e-originano-un-accesso-alle-cure-discriminante-tra-i-cittadini/

Mediavideo Antenna3

Luana Mencarelli -M5S-“Due o tre Case della Salute non sono la soluzione ai disagi della sanità del territorio e originano un accesso alle cure discriminante tra i cittadini”

di  Redazione web

Due o tre Case della Salute non sono la soluzione ai disagi della sanità del territorio e originano un accesso alle cure discriminante tra i cittadini, queste in sintesi le conclusioni di Luana Mencarelli alla luce di una sessione di studio del gruppo di lavoro del M5S di Massa.
I motivi, aggravati anche dalle affermazioni fatte dalla direttrice generale De Lauretis al Consiglio Comunale sulla sanità, sono i seguenti:
1. Per i pazienti dei medici all’interno delle Case della Salute saranno previsti servizi aggiuntivi, nella migliore delle ipotesi però a Massa potrebbero sorgerne 3 nelle quali sistemare forse 25 dei 60 medici di famiglia massesi. Si capisce che più della metà dei cittadini non avrebbe accesso a quei servizi e quindi sarebbe discriminata. Il SSN deve garantire a tutti parità di accesso alle cure. 2. La direttrice De Lauretis ha dichiarato che le linee di finanziamento per le Case della Salute sono chiuse, quindi non ci sono soldi. 
3. La direttrice De Lauretis ha dichiarato che le Case della Salute sono a tutt’oggi, dopo 10 anni, in fase sperimentale e che ancora non hanno capito come calibrarle sui territori. Ergo prima hanno firmato i contratti, speso i nostri soldi, poi cercano di capire se e come realizzare i progetti. 
4. La costruzione del NOA ha messo in crisi la sanità territoriale che ha bisogno ora di risposte velocemente realizzabili e non di “esperimenti” non finanziati.
Alla luce di tutto ciò è chiaramente propagandistico lo sponsor di varie zone del territorio ad opera di consiglieri, che forse si sono distratti durante le dichiarazioni della Dirigente o pensano alla sanità suddivisa in pacchetti elettorali.
Le proposte del M5S, continua la Mencarelli, sono pertanto le seguenti: abbandonare completamente il progetto delle Case della Salute e concentrarsi sull’apertura di un punto di primo soccorso a Carrara, annesso alla postazione del 118, che alleggerirebbe il P.S. del NOA; sulla creazione di un nuovo distretto sanitario efficiente dotato di tutti i servizi da realizzare nel vecchio ospedale massese, mantenendo gli attuali distretti di Viale Roma e Marina di Massa ed infine sul potenziamento della digitalizzazione della medicina di base in rete, mettendo a disposizione di tutti i pazienti servizi più innovativi ed efficienti.
Luana Mencarelli
MoVimento 5 Stelle – Massa

ore: 13:30 | 

comments powered by Disqus