ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

lunedì, 1 agosto, 2016

https://www.antenna3.tv/2016/08/01/il-28-luglio-si-e-spento-antonio-possenti-il-sindaco-volpi-lo-ricorda/

Mediavideo Antenna3

Il 28 luglio si è spento Antonio Possenti, Il ricordo del Sindaco Volpi

di  Redazione web

Ricordo con stima il maestro Antonio Possenti, molto legato anche a Massa, e soprattutto per la mostra nella nostra Villa Della Rinchiostra, dal titolo “Storie e sogni”, nel periodo 28 novembre – 19 dicembre 2015, fortemente voluta dalla nostra Amministrazione.

Alla inaugurazione assieme  al Maestro eravamo presenti io come Sindaco, con l’Assessore alla Cultura Fiori ed il curatore Lucchesi.

La mostra ebbe un grosso successo di pubblico,  ma il fatto più interessante dell’iniziativa si rivelò un incontro con l’autore che fu organizzato, nell’ambito della rassegna, il giorno 11 dicembre, alle ore 18,30.

Possenti fu vivacissimo ed entusiasmò il pubblico che gli faceva domande sulla sua arte con risposte puntuali, ma anche spiritose che rilevavano la sua ironia ed il carattere estroverso e fantasioso che scaturisce bene  del resto nelle sue opere.

Fu un momento molto intimo che catturò davvero tutti i presenti.

Una persona in un dato campo del sapere, in questo caso meglio sarebbe dire della bellezza, è definibile maestro quando ti fa capire qualcosa. Sia pure di un pur piccolo quid il tuo animo si accresce, e quindi migliora.

Possenti per esempio spiegò magnificamente che si deve guardare un quadro non seguendo metafore, o simboli, palcoscenici che lui non persegue né apprezza, perché quello che disegna e che pittura è quello che è in sé, al di là di ogni discorso e interpretazione.

Mi piace molto ricordare il Possenti di quell’incontro quando ci donò una lezione sull’arte fatta tra amici, condotta da un grande maestro, un ricordo ammirato e d’affetto, con il quale lo saluto.

 

Alessandro Volpi

ore: 13:14 | 

comments powered by Disqus