ore:  12:14 | Vento forte di Grecale, codice giallo domenica 24 ottobre su quasi tutta la regione

ore:  12:45 | allerta codice Arancio per rischio idrogeologico e Temporali Forti, dalle ore 00.00 fino alle ore 06.00 di Martedì 05 Ottobre 2021.

ore:  17:28 | Meteo, il sindaco De Pasquale: «Grande preoccupazione». Allerta massimo nella notte di lunedì. Domani 4 ottobre scuole aperte.

ore:  16:44 | Previsioni meteo: weekend con la pioggia . Lunedì giornata ancora di piogge e nubifragi

ore:  14:14 | Allerta prorogata fino alle 13 di lunedì 27 settembre il “codice giallo” per temporali e rischio idrogeologico valido su tutto il territorio regionale toscano

mercoledì, 20 luglio, 2016

https://www.antenna3.tv/2016/07/20/assaltavano-le-banche-vestiti-da-finanzieri-traditi-da-una-dentiera/

Mediavideo Antenna3

Assaltavano le banche vestiti da finanzieri, traditi da una dentiera

di  Redazione web

Assaltavano le banche vestiti da finanzieri e con barbe finte, hanno compiuto e tentato almeno 10 rapine, tra Toscana (Massa, Cecina, Lucca) e Liguria, ma sono stati traditi da una dentiera. Una traccia di dna trovata sulla protesi ha permesso di individuare un bandito e da lui di risalire ai complici: i carabinieri di Savona hanno arrestato quattro persone.

I colpi attribuiti ai rapinatori sono avvenuti tra luglio 2015 e marzo 2016 per un bottino di 145 mila euro. Gli ordini di custodia cautelare sono stati emessi nei confronti di Claudio Russo, 42 anni, Roberto Spagnoletti, 40, Raffaele Di Tavi, 44, torinesi, e Giuseppe Prochilo, 45 anni di Rivoli.

Sono accusati di rapina, ricettazione di auto rubata e detenzione di armi (quattro le pistole sequestrate). Russo e Prochilo erano già in carcere, Di Tavi ai domiciliari, per altri episodi. La dentiera era stata trovata su un’auto rubata usata dai rapinatori dopo un colpo a Chiavari nel novembre scorso. La protesi apparteneva a Di Tavi, già conosciuto dagli inquirenti. Il suo cellulare è stato messo sotto controllo permettendo di individuare gli altri componenti della banda, anche loro con precedenti penali.

L’indagine era partita dalla rapina alla Cassa di risparmio di Savona a Noli (27 luglio, 15 mila euro). A loro sono attribuiti anche i colpi, sempre in banche aMarina di Massa (31 luglio), Massa (7 agosto) , Cecina (28 settembre),Lucca (22 ottobre), Chiavari (23 novembre), Cecina (28 dicembre) e in altre città per un bottino complessivo di 145 mila euro. I malviventi su muovevano anche con auto “pulite”, noleggiate o prestate da amici a cui apponevano targhe rubate. In occasione dei colpi, i mezzi per la fuga erano sempre preceduti da auto non rubate che facevano da staffetta. I rapinatori cambiavano  spesso anche le utenze dei cellulari e questo ha complicato le indagini.

il tirreno

ore: 19:45 | 

comments powered by Disqus