ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

lunedì, 2 dicembre, 2013

https://www.antenna3.tv/2013/12/02/da-regione-e-ministero-in-arrivo-oltre-18-milioni-per-la-non-autosufficienza/

Mediavideo Antenna3

Da Regione e Ministero in arrivo oltre 18 milioni per la non autosufficienza

di  Andrea Lazzoni

disabiliIn arrivo per la non autosufficienza oltre 18 milioni e mezzo di euro: 13.513.500 è la somma che il Ministero del lavoro e delle politiche sociali ha assegnato alla Regione Toscana per gli anziani per l’anno 2013. A questa somma va ad aggiungersi l’assegnazione di ulteriori 5 milioni di euro, finanziamento aggiuntivo della Regione Toscana. Nella seduta di stamani, la giunta ha deliberato l’assegnazione di queste somme e la loro ripartizione tra le 34 zone/distretto della Toscana.

“Dal 2010 la Toscana finanzia con risorse proprie il Fondo per la non autosufficienza, per un totale di oltre 80 milioni di euro l’anno – chiarisce l’assessore al diritto alla salute Luigi Marroni – garantendo ai cittadini non autosufficienti varie tipologie di risposta, in base al loro stato di salute e alla loro autonomia. Per il 2013, il Fondo per la non autosufficienza è finanziato, oltre che da risorse regionali, anche da risorse statali, destinate alla realizzazione di prestazioni, interventi e servizi assistenziali”.

Sia la somma del Ministero che quella della Regione verranno ripartite tra le 34 zone/distretto della Toscana, in base a indicatori sociosanitari. Le somme, ripartite in base a questi criteri, verranno assegnate alle Società della Salute o alle aziende sanitarie. Tra le priorità, quella di assicurare la risposta domiciliare.

ore: 19:49 | 

comments powered by Disqus