ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

martedì, 26 novembre, 2013

https://www.antenna3.tv/2013/11/26/tredici-indagati-per-l%e2%80%99alluvione-del-2011-ad-aulla/

Mediavideo Antenna3

Tredici indagati per l’alluvione del 2011 ad Aulla

di  Redazione web

Aulla alluvione Due ex sindaci, un vicesindaco, il presidente della Provincia di Massa Carrara, tecnici e ingegneri comunali. Sono i tredici indagati per l’alluvione del 25 ottobre 2011, costata la distruzione del centro di Aulla e la vita di due persone. I reati, a vario titolo, sono di omicidio e disastro colposo.

Tra gli indagati figurano anche il presidente della provincia di Massa Carrara Osvaldo Angeli, l’ex sindaco di Aulla Roberto Simoncini (60 anni) e il suo predecessore Lucio Barani, attuale senatore del Nuovo Psi. Dell’ex giunta aullese finisce nell’indagine anche il vicesindaco con delega all’urbanistica, assetto del territorio ed edilizia, Gildo Bertoncini.

Oltre a Simoncini, sotto accusa anche il delegato alla protezione civile del Comune Giovanni Chiodetti e il responsabile della Protezione civile Mauro Marcelli. Per tutti e tre anche l’accusa è quella di di non essersi attivati perché venissero date le opportune informazioni alla popolazione e «adottate iniziative per ridurre i danni, malgrado gli avvisi meteo di criticità elevata».

Ma ci sono anche altri due profili di responsabilità emersi in due anni di indagine:  il mancato collaudo della cassa di espansione di Chiesaccia e la costruzione di numerosi edifici dal 1994 in poi all’interno dell’alveo della fiume Magra che è esondato per cui sono finiti nei guai alcuni dirigenti comunali e altri tre responsabili del settore difesa della provincia di Massa Carrara dal 2007 al 2011.

Due le persone che morirono in quella tragedia: Claudio Pozzi di 56 anni, travolto da una valanga di fango nel suo garage mentre era intento a togliere la sua auto e Enrica Pavoletti, 78 anni, annegata nella sua auto mentre stava facendo una manovra per uscire da un parcheggio.

ore: 16:13 | 

comments powered by Disqus