ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

martedì, 26 novembre, 2013

https://www.antenna3.tv/2013/11/26/sociale-17-milioni-di-euro-per-garantire-i-servizi-e-sostenere-le-fasce-deboli/

Mediavideo Antenna3

Sociale, 17 milioni di euro per garantire i servizi e sostenere le fasce deboli

di  Redazione web

fasce deboliMantenimento del sistema dei servizi sociali, sostegno alle fasce deboli della popolazione (con un’attenzione particolare ai minori) e ai quattro Centri di Area Vasta per l’adozione. Serviranno a questo i 17 milioni di euro che la Regione ha stanziato con una delibera approvata nell’ultima seduta della Giunta regionale. La somma è una parte delle risorse che derivano dal riparto del Fondo Nazionale per le Politiche Sociali che il è stato ricostituito dal governo.

“Il Fondo – ha spiegato l’assessore al welfare Salvatore Allocca – era stato quasi azzerato nel 2012. Con l’ultima Legge di Stabilità, per il 2013 è stato di nuovo riportato a livelli accettabili, più di 300 milioni di euro. La ricostituzione del Fondo è stato il frutto di una battaglia che tutte le Regioni hanno portato avanti con lo scopo di garantire ai cittadini i livelli minimi dei servizi. Alla Toscana sono toccati quasi 20 milioni di euro, l’85% dei quali vengono ripartiti con questa delibera”. 13,8 milioni andranno alle zone socio-sanitarie, secondo criteri demografici, per il mantenimento del sistema degli interventi e dei servizi sociali, 3 milioni andranno ad alimentare il Fondo di Solidarietà Interistituzionale (istituito dalla Regione per gli interventi destinati alle fasce deboli della popolazione) e 200 mila euro ai 4 centri adozione.

I 3 milioni di euro destinati al Fondo di Solidarietà Interistituzionale vengono messi a disposizione degli enti locali per far fronte a spese di carattere urgente ed emergenziale e di difficile sostenibilità a livello locale. Si tratta di interventi di vario tipo a favore di fasce deboli della popolazione: donne straniere in stato di gravidanza e nei sei mesi successivi al parto, stranieri con permesso umanitario o per protezione sussidiaria, richiedenti asilo e rifugiati, minori residenti e minori di qualsiasi nazionalità non residenti, prima assistenza per persone con dimora in Toscana e per coloro che hanno subito danni da calamità naturali o accidentali a causa di eventi eccezionali. Presto la Regione emanerà un bando che stabilisce le regole per potervi accedere, dando priorità agli interventi e prestazioni destinati alla protezione dei minori (situazioni di abbandono, privazione, allontanamento indifferibile dal nucleo di appartenenza, violenza psico-fisica tale da costituire grave pregiudizio o altra condizione straordinaria e critica).

Infine 200 mila euro saranno ripartiti ai Comuni di Prato, Pisa, Firenze e Siena per la gestione dei 4 Centri di Area Vasta per l’adozione. I Centri svolgono attività di informazione, preparazione e sostegno alle coppie che intendono avviare un percorso di adozione.

ore: 16:10 | 

comments powered by Disqus