servizio completo alla pagina Telegiornale

 

E’ una donna il nuovo sindaco di Pontremoli, Lucia Baracchini, la dirigente scolastica al suo debutto in politica fa centro e con la sua lista “Cara Puntremal”, sostenuta da PDL e Lega Nord, va oltre il 50%, precisamente il 51,91% guadagnando 2593 preferenze. Ribolla, il suo diretto avversario appoggiato dalla lista civica di centrosinistra “Amo Pontremoli” arriva solo al 30,27%, cioè 1512 voti. Durante lo spoglio delle schede, è sempre in testa la Baracchini, come a dire che non c’è partita; i pontremolesi hanno scelto di far tornare la città nelle mani del centrodestra dopo diversi anni ed un mandato fallimentare del PD e terminato col commissariamento del comune. Buona la performance di Petriccioli, l’altro candidato del centrosinistra, il “dissidente”, che da solo porta a casa 698 voti, un 13,97%, la metà circa di quanto ottenuto dalla lista ufficiale del PD. Solo un 3,84% per Martino Squeri, l’ex esponente della Lega nord. L’affluenza alle 15 si è fermata a 60,91%; hanno votato in 5193 cittadini su 8525. In consiglio comunale la maggioranza avrà 8 seggi: Ferri con 635 preferenze, Cocchi, Corchia, Arrighi, Crocetti, Buttini, Cavellini e Lecchini. Tre i seggi per Amo Pontremoli: oltre a Ribolla, passano Bissoli con 277 voti e Cozzalupi. Il primo dei non eletti è Mazzoni. Infine siederà in consiglio il candidato sindaco Petriccioli.