Clima disteso e grande condivisione delle problematiche oggi in Sala di rappresentanza a Carrara. Intervenuti i sindaci, di Massa e di Carrara e dibattito introdotto dal coordinatore carrarese dell’Idv Canesi, alla presenza e partecipazione di Coldiretti, il cui presidente era intervenuto giorni fa in merito alle cause degli allagamenti su Massa ed in Candia. Dialogo costruttiva tra lui e il primo cittadino massese: importante lavorare, uniti, enti pubblici e privati per garantire una maggiore difesa del suolo. Da Tongiani la proposta di rifarsi alla normativa del 2003 che comprende l’operato delle aziende agricole nella gestione del territorio: in poche parole, procedendo affidando direttamente a queste ultime la pulizia dei canali si consentirebbe una boccata d’ossigeno all’agricoltura, tutelando contemporaneamente il suolo. Sul fronte carrarese, straordinariamente, grande armonia tra Canesi ed il sindaco Zubbani che non ha mancato di ringraziare l’Italia dei Valori per l’invito. Se riguardo alla messa in sicurezza del Carrione il primo cittadino ha affermato di non poter dire ancora nulla, in quanto la vicenda è in mano alla magistratura che ha bloccato i lavori attendendo di poterci vedere più chiaro, in merito al dissesto Zubbani è arrivato ad affermare che, riguardo alle movimentazioni a monte ed allo scarico abusivo delle terre, molto si è fatto ma altrettanto sarebbe ancora da fare. Insomma, particolare accordo sulle problematiche del territorio al quale non si assisteva da tempo.