Alla fine non sarà un flash mob ma un presidio in piazza d’Armi nel cuore della città la forma di manifestazione organizzata dal coordinamento delle scuole superiori cittadine per lo sciopero nazionale contro la riforma Gelmini e la manovra fiscale indetto dai due sindacati studenteschi venerdì prossimo, 8 ottobre. L’idea del flash-mob lungo il viale xx settembre è stata solo rimandata, fanno sapere gli organizzatori che hanno deciso di puntare su una manifestazione che possa dare modo di affrontare i temi dello sciopero nel modo più chiaro possibile. Sul palco infatti si intervalleranno interventi sulla riforma Gelmini e sui tagli alla scuola a momenti di musica per intrattenere i ragazzi presenti. Si attende un altissima adesione tra i ragazzi delle scuole superiori, lo scopo infatti è di far partire un tavolo di lavoro fra tutti i rappresentanti d’istituto per coordinare le prossime forme di protesta previste nelle prossime settimane.