Buono il bilancio di fine stagione del presidente dell’asmiu Carlo Paolini sia per quanto riguarda la raccolta rifiuti sia per la differenziata dove attiva. Nei mesi estivi la società ha potenziato lo spazzamento a Ronchi, a Marina di Massa e in Partaccia, così come la raccolta rifiuti sul lungomare con la dotazione di 3 operatori dedicati agli stabilimenti balneari e nella zona dei Ronchi con una frequenza di intervento 6 giorni su 7. La raccolta rifiuti è avvenuta giornalmente anche presso i campeggi e in 30 alberghi a Marina di Massa, grazie all’adesione dell’Associazione degli albergatori, è stata eseguita la raccolta differenziata domiciliare riguardante l’umido, il multimateriale, la carta e il cartone e il rifiuto indifferenziato. Inoltre, sono stati effettuati regolari tagli erba, raccolti rifiuti abbandonati lungo la costa e svuotati cestini a Massa e Marina Centro con l’aiuto di personale esterno di cooperative sociali. Tutte operazioni eseguite grazie con l’assunzione, da parte dell’amministrazione massese, di 29 lavoratori part-time a tempo determinato e che hanno migliorato la pulizia sulle strade della città. i dati del 2010 infatti parlano chiaro: 3500 mila chilometri spazzati e quasi 16 mila tonnellate di rifiuti raccolti, mille in più rispetto al 2009. E in particolare salta all’occhio la percentuale dell’umido che ha avuto un incremento del 200%.   Anche il porta a porta a Romagnano va verso un definitivo assestamento del 65/67%, con un picco del 72,91% di rifiuti differenziati nel mese di marzo.