Essere grande e grosso non è stato di certo un aiuto per l’attività di pusher di un 38enne spezzino: ieri i militari lo hanno notato e si sono appostati, assistendo al passaggio di droga e denaro. Il cliente, a bordo di una Golf grigia, è riuscito a fuggire. Lui, che era a piedi, no.

Aveva ancora in mano una mazzetta con 500 euro, legata con un elastico, oltre a 165 euro in tasca, in banconote di piccolo taglio, due confezioni di eroina, una di cocaina ed uno spinello. Sul motorino, parcheggiato nei pressi, aveva altri 22 grammi di stupefacente e nel garage di casa, una serra.

Nascosta da un’intercapedine, c’era tutta l’attrezzatura per la coltivazione e l’essiccazione di piante di marijuana: sette vasetti con terriccio e semi , una grata in ferro sovrastata da una lampada ad alto voltaggio per farli germogliare, un sistema di riscaldamento collegato all’impianto elettrico, una struttura per l’irrigazione delle piante e svariato altro materiale per pesare e confezionare la droga.

 

 

da Il Secolo XIX