46199_adotta un finocchioA pochi mesi di distanza torna a Carrara un altro Bar camp e, questa volta l’argomento da affrontare sarà l’omosessualità. Ce l’hanno proprio messa tutta lo sportello Arcobaleno dell’Arci, e i Radicali, riuscendo a concepire un evento che unisce  l’allegria dell’autoironia a temi importanti e sempre più tristemente attuali nell’Italia di oggi. Sì perché quello cui potremo partecipare l’11 settembre sarà, in piena corrispondenza col festival filosofico Con_Vivere, proprio una declinazione in più del concetto di convivenza, appunto “Convivere con la diversità”, altrimenti detta Sagra del Finocchio. Autoironico appunto il titolo che, non a caso, andrà ad incontrarsi con un’altra realtà, quella del vegetarianesimo. Perché le pietanze che in serata verranno servite in Piazza del Duomo in questa vera e propria sagra, proverranno infatti dal vicino ristorante Pitagora, appena reduce da un’altra sagra, riuscitissima, quella appunto di cucina vegetariana. Ma il tutto non si esaurirà leccandosi i baffi, al contrario il programma, che avrà inizio alle 9 del mattino, prevede una serie di incontri e dibattiti divisi per 4 aree tematiche: quella relativa alla salute, quella legale, quindi i diritti delle comunità LGTB, i problemi che quotidianamente gli omosessuali si trovano ad affrontare, quindi le violenze di cui troppo spesso sono oggetto a causa di una cultura sempre più omofobica, infine l’identità di genere, con la lente puntata sul mondo della transessualità. Alle 18 la presentazione del libro del giornalista salernitano Pasquale Quaranta “Omosessualità e Vangelo”: 160 pagine per 24 lettere di altrettante persone che raccontano la lacerazione interiore di chi oltre ad essere cattolico è anche omosessuale. Solo in seguito verrà il momento di lasciarsi andare alla buona tavola e al divertimento: alle 19.45 sarà aperta la sagra e a seguire, direttamente da Bologna, la comicità delle “Queen sister”. Per informazioni e prenotazioni quindi, non resta che telefonare al numero 335.8096638.